Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I fiori dei “Teletubbies” spuntano a Grosseto: ecco la nuova rotonda fotogallery

Più informazioni su

GROSSETO – Sono state colorate con una vernice catarifrangente e saranno illuminate dal basso così da dare la giusta “altezza” alla rotonda ed evitare che le auto, di notte, ci finiscano sopra. Sono i quattro fiori giganti che sono stati allestiti in questi giorni nella rotonda tra via Sauro e via Giusti, e che hanno sollevato un po’ di polemica su Facebook tra alcuni cittadini che si domandavano quanto l’installazione fosse costata.

In realtà si tratta di un’opera in economia, realizzata dagli operai di Sistema utilizzando ferro riciclato. La rotonda è infatti troppo bassa, e le auto rischiavano di non vederla. E così era necessario, su indicazione del Comune, renderla appunto individuabile anche da una certa distanza.

Era però preferibile un intervento a costo zero, o quasi. La scelta era dunque tra mettere dei segnalatori bianchi e rossi o fare qualcosa di più definitivo, ma sempre in economia. E così sono nati i “fiori Teletubbies” come sono stati ribattezzati sui social network, tutti realizzati a mano dagli operai di Sistema. Nei prossimi giorni i fiori saranno illuminati e con loro tutta la rotonda.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mauro Papa

    Il punto non è se siano belle o meno, o costose o meno. Il punto, come al solito, è chi decide di fare cosa. Questi elementi fanno parte dell’arredo urbano, che tutti i cittadini devono quotidianamente vivere e subire, e sarebbe utile che l’amministrazione comunale – sono anni che lo chiedo inutilmente – si decida a istituire un organismo consultivo (gratuito) che esprima dei pareri in merito a tutto ciò che viene realizzato nel settore dell’arte pubblica. Io, come direttore del Cedav, sono disponibile (anzi, vengo pagato per questo), così come sono disponibili l’ordine degli architetti e tutti i cittadini che sono stanchi di subire decisioni arbitrarie e improvvisate.