Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piccoli Comuni nel mirino del Governo: pronto un nuovo taglio di consiglieri

Più informazioni su

CAPALBIO – Piccoli Comuni nel mirino delle decisioni del Governo, spunta fuori un emendamento su una nuova ricomposizione degli organi nei Comuni fino a 10.000 abitanti. Sarebbe la terza volta in tre anni.

In Commissione Bilancio della Camera, dove è attualmente in discussione il ddl sulla Stabilità, era stato dichiarato inammissibile per estraneità di materia ma successivamente riammesso un emendamento che riduce ancora una volta il numero dei Consiglieri comunali e delle Giunte dei Comuni fino a 10.000 abitanti.

Dopo aver ritrovato, grazie alla legge “Delrio” dell’aprile 2014 un minimo di dignità democratica e di partecipazione – garantendo nello stesso tempo l’invarianza della spesa rispetto al taglio degli organi dei Comuni già previsto dall’art. 16, comma 17, del decreto legge 138/2011- parrebbe nuovamente messo in discussione il sistema attuale di rappresentanza locale. È inaccettabile, questa logica dimostra ancora una volta quanto poco si conoscano i territori e chi cerca ancora di amministrarli, in un regime di fatto di volontariato e di servizio sociale, molto spesso sottraendo tempo e risorse proprie per dedicarsi alla cosa pubblica. E’ bene evidentemente ricordare, ad esempio, che l’abrogazione totale delle Giunte disposta in base al citato art. 16, per un “costo” di un Assessore sotto i 1.000 abitanti  pari a 120 euro lordi ma dimezzata se il lavoratore/amministratore non ha richiesto l’aspettativa, ha causato sia problemi applicativi sia di oggettiva funzionalità degli Enti di ridotta dimensione demografica, spesso con territori vasti e fragili da presidiare. Per non parlare dei gettoni pari a 17 euro lordi  previsti per i Consiglieri comunali dei Comuni fino a 1.000 abitanti e di 18 euro sempre lordi per i Comuni da 1.001 a 10.000 abitanti.

“Non è possibile penalizzare ancora una volta i piccoli Comuni – commenta il presidente di Uncem Toscana Oreste Giurlani –  non sono lì gli sprechi ma altrove! Ci mobiliteremo per opporci a questa scellerata decisione”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.