Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Telecamere in centro e videosorveglianza, M5S «Meglio metterle in altre zone»

FOLLONICA – «Il 19 novembre scorso la Giunta follonichese ha emanato una delibera con oggetto “Progetto generale di implementazione degli impianti di sorveglianza a tutela della sicurezza della città”. L’Amministrazione con tale delibera si appresta a videosorvegliare alcune aree di Follonica tra cui il parco Centrale, l’ex Florida e le zone ZTL della città (via Fratti, via Amorotti, piazza Guerrazzi, viale Matteotti e alcuni varchi lungo il Viale Italia) il tutto per un costo stimato intorno ai 230 mila euro». Ad intervenire sul sistema di telecamere pensato dall’0amministrazione è il Movimento 5 Stelle di Follonica che prosegue «Una sostanziale parte di tale costo, quantificata in oltre 151 mila euro, è riferita alla spesa che sarà sostenuta per la sorveglianza della ZTL. Una delibera quindi spacciata per migliorare la sicurezza urbana ma di fatto orientata in gran parte alla sorveglianza dei varchi delle ZTL».

«Il Movimento 5 Stelle concorda con la videosorveglianza del Parco Centrale e dell’ex Florida e condivide anche sulla videosorveglianza del varco ZTL di via Fratti per garantire una maggiore sicurezza stradale in prossimità dell’attraversamento pedonale di via Roma con piazza del Popolo. Non crediamo tuttavia nel modo più assoluto che la sorveglianza delle ZTL possano rientrare nel concetto di sicurezza urbana, specialmente nelle zone ZTL individuate dall’Amministrazione – prosegue M5S -. Il Movimento 5 Stelle riconosce la videosorveglianza come uno strumento utile da impiegare in zone specifiche della città a maggior rischio di microcriminalità e come deterrente contro gli atti vandalici ai beni pubblici. Non intendiamo trasformare Follonica in una città sotto l’occhio vigile di un “grande fratello”, anche perché esistono altri sistemi per rendere più sicure le zone a rischio quali una migliore illuminazione, favorire centri di aggregazione, più controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine nonché intervenire con azioni di prevenzione a livello sociale».

«Ci chiediamo perché si è preferito videosorvegliare le ZTL (che potrebbero essere controllate dai vigili urbani) a scapito di zone che invece necessiterebbero di essere rese più sicure come Zona Stazione, Fonderia 1, pineta di Levante e le scuole. Ad oggi risulterebbero inoltre videosorvegliate anche altre aree senza una reale utilità, mentre sarebbe più proficuo provvedere ad una riallocazione delle stesse risparmiando soldi pubblici. La maggioranza quando afferma che Follonica è videosorvegliata non si preoccupa di come o cosa viene videosorvegliato, mentre sarebbe più utile una revisione della videosorveglianza esistente ed effettuare nuove installazioni non utilizzando solo il criterio per “fare cassa” ma soprattutto una maggiore attenzione alla sicurezza urbana. Sulla questione – conclude la nota – il Movimento 5 Stelle presenterà interrogazione al sindaco».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.