Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Agricoltura e microcredito: ecco come cambia il Mediterraneo grazie alla cooperazione fotogallery

GROSSETO – Due giorni per parlare di Microcredito e agricoltura sostenibile. Doppio appuntamento nei giorni scorsi a Grosseto per un evento organizzato da da Coopermondo e CIHEAM, il centro Internazionale di Alti Studi Agronomici del Mediterraneo, in partnership con la Banca di Credito Cooperativo. Durante gli incontri, cui ha preso parte Giuliano Amato, ex presidente del Consiglio dei Ministri, è stato firmato un protocollo di intesa che fa del microcredito la pratica privilegiata per sostenere l’agricoltura sostenibile nei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

L’intesa, siglata alla presenza di Giampaolo Cantini, DG della Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), si inserisce coerentemente all’interno delle priorità della cooperazione allo sviluppo italiana con la programmazione triennale approvata lo scorso luglio.

Al seminario hanno partecipato Gianni Bonini, vice chairman del CIHEAM; Francesco Carri, presidente di Coopermondo – Confcooperative; Rodolfo Cetoloni, vescovo di Grosseto; Giampaolo Cantini, direttore Generale della Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale; Cosimo Lacirignola, segretario Generale CIHEAM; Danilo Salerno, direttore di Coopermondo – Confcooperative; Giuseppe (Bepi) Tonello, presidente di BanCodesarrollo e direttore generale del Fondo ecuadoriano populorum progressio FEPP.

Banca della Maremma e microcredito Gianni Bonini Bepi Tonello Giuliano Amato

Nella stessa mattina è anche stato presentato il libro “Miti e non solo, per una storia da concludere” scritto da Gianni Bonini (delegato del governo italiano al Governing Board del Ciheam e Vice Chairman del Ciheam), Salvino Busuttil (consigliere per il Ministro degli Affari Esteri del governo maltese e presidente della Fondation de Malte) e Debora Degl’innocenti (tecnichal advisor del delegato italiano al GB del Ciheam).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.