Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Neuropsichiatria infantile nelle colline metallifere: «Il servizio zoppica»

Più informazioni su

MASSA MARITTIMA – «Nella Asl 9 di Grosseto, e in particolare nella zona distretto delle Colline Metallifere, il servizio di neuropsichiatria infantile zoppica. Ma anche nel resto della Toscana avviene lo stesso, pur in misura meno emergente. E allora: che fare? Come pensa, la Regione, di assicurare continuità, efficacia ed efficienza ad un servizio tanto importante per i piccoli pazienti e per le famiglie?». A volerlo sapere, all’interno di un’interrogazione che mira anche a mettere a fuoco lo stato vero e proprio del servizio tra tempi d’attesa e modalità di reclutamento dei professionisti, è il vice presidente della Commissione sanità del Consiglio regionale Stefano Mugnai (capogruppo di Forza Italia).

Mugnai prende le mosse dalla cronaca poiché, scrive l’esponente di Forza Italia nel suo atto, «presso la Asl 9 di Grosseto alcuni pazienti minorenni stanno aspettando da settimane una visita dal neuropsichiatra al fine di ottenere certificati utili per la scuola e usufruire di servizi medici, e da qualche giorno la Asl ha iniziato ad inserire i nominativi in una lista/agenda senza date certe per le visite».

Poi c’è la politica: «In una nota di risposta alla interrogazione del Capogruppo di Forza Italia al Comune di Follonica, pubblicata dalla stampa locale, (cfr. il Giunco.net del 21 novembre 2015  https://www.ilgiunco.net/2015/11/21/neuropsichiatria-infantile-a-follonica-asl-non-ci-sono-graduatorie-a-cui-attingere-2/) la Asl 9 di Grosseto – riporta Mugnai – dichiara che “sul servizio di Neuropsichiatria infantile, nella Zona-distretto delle Colline Metallifere, […] il problema è noto e sono in corso verifiche per trovare una soluzione in grado di dare risposte ai piccoli pazienti e alle loro famiglie” e anche che “in questo momento non ci sono graduatorie per questa branca specialistica, cui attingere per sostituire il professionista che lavorava a Follonica e più in generale per rinforzare il servizio di Neuropsichiatria infantile aziendale”».

Il problema però, sottolinea il vice presidente della Commissione sanità, «Sarebbe legato a sistemi di reclutamento dei professionisti non decisi dalla Asl» e risulta anche che «Il servizio di neuropsichiatria infantile sia insufficiente anche in altre aziende sanitarie toscane».

Dunque i quesiti, con Mugnai che alla giunta toscana domanda «Se sia a conoscenza del problema della carenza del servizio di neuropsichiatria infantile, in particolar modo presso la Asl 9 di Grosseto», «Di quanto sia l’attesa per una visita neuropsichiatria infantile presso ciascun distretto della Asl 9», «Quale sia il sistema di reclutamento dei professionisti» e «quali misure è possibile prendere per non interrompere e potenziare  un servizio così importante per le famiglie interessate nella Asl 9 di Grosseto».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.