Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’Udc a Grosseto sceglie il Pd, De Mita «Ma non faremo il vecchio centrosinistra»

GROSSETO – «Confermiamo, anche qui a Grosseto, il rapporto di collaborazione con il Partito Democratico ma non per fare il centrosinistra, un rapporto di natura competitivo e dialettico. Il nostro è il tentativo di allargare l’area di consenso nel Paese verso le istituzioni democratiche. Il Pd deve comprendere che oggi è forte  ma che vive una condizione di solitudine. Oggi manca tutto quel pezzo di rappresentanza che è da ricondurre alla nostra area. Ma non possiamo, però, fare un polpettone di siglette per allargare lo spazio a destra del Pd». Lo ha dichiarato l’onorevole Giuseppe De Mita, vice segretario nazionale Udc,  intervenendo ad un’assemblea promossa dal partito locale e introdotta da Gabriele Bellettini e Emanuel Cerciello.

«Come Udc – continua De Mita – abbiamo preso atto che il tentativo di Area Popolare è praticamente mai nato. Oggi avviamo un tesseramento rapido con la prospettiva di un nuovo congresso che non serve per rifare l’Udc, ma per rilegittimare una classe dirigente per dare vita ad una nuova forza politica il cui cromosoma iniziale non è l’accordo romano, una forza politica che deve avere la capacità di tornare nelle realtà periferiche per rappresentare interessi vivi».

«Dal punto di vista operativo – ha concluso il vice segretario nazionale Udc – abbiamo il passaggio delle amministrative del 2016. Si voterà in ventidue città capoluogo. Confermiamo la collaborazione con il Pd, ma ribadendo che non ci aggiungiamo per rendere più comoda la vittoria ma per rendere più scomodo il governo che deve farsi carico della complessità della realtà. E’ un’operazione complicata che servirà per verificare se siamo all’altezza della cultura che siamo chiamati a rappresentare».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.