Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanità, la commissione in visita a Grosseto: «Qui ci sono eccellenze, sarà ospedale di innovazione» foto

Incontro sulla nuova legge di riorganizzazione sanitaria questa mattina, con prima tappa in Maremma. Visita al presidio ospedaliero Misericordia. Nel primo pomeriggio trasferimento al San Donato di Arezzo

GROSSETO – La scuola di robotica, ma anche il pronto soccorso generale e pediatrico. Eccellenze che è in grado di esprimere nella sanità di Grosseto e oggi durante la visita della terza commissione regionale, è stato ribadito come quello della città capoluogo della Maremma sarà un ospedale orientato all’innovazione.

Scaramelli Desideri

A guidare la delegazione arrivata da Firenze il presidente di commissione Stefano Scaramelli, che questa mattina – lunedì 16 novembre – ha fatto tappa a Grosseto per incontrare gli organismi di direzione dell’azienda ospedaliera e gli operatori: dirigenti, medici, infermieri e tecnici.

A far gli onori di casa il commissario di Area Vasta sud-est Enrico Desideri e il vice commissario Daniele Testi, che hanno presentato il presidio e passato la parola ai tanti intervenuti, per un confronto a tutto tondo, che la dice davvero lunga sul processo di riforma del nostro servizio sanitario. “Siamo qui con la volontà di ascoltare, per andare a riorganizzare il nostro sistema sanitario, nella consapevolezza di dover fare i conti con un modello di eccellenza a livello nazionale, ma per rimanere tale potrà e dovrà cambiare, in un contesto di risorse da tarare nel tempo e soprattutto da misurare ai bisogni dei cittadini utenti”. Così il presidente Scaramelli, parlando di un impianto di legge, quello della Giunta regionale, condivisibile, ma su cui lavorare insieme, con i territori e con il mondo della sanità toscana, “per raccogliere tutti gli input possibili e disegnare insieme la sanità del futuro”. “La commissione che presiedo avrà un ruolo importante nella governance della sanità – ha assicurato Scaramelli – come rappresentanti dei cittadini saremo la voce dei territori”.

Visita commissione sanità

Come sottolineato da Desideri: “Grosseto non è periferia dell’impero, lo abbiamo dimostrato col primo 118 e la prima postazione di chirurgia robotica, e stiamo continuando sulla strada della professionalità e dell’impegno, per rispondere ad un territorio molto vasto”. In estrema sintesi, come ricordato da Testi: “Su una superficie di 4.500 chilometri abbiamo quattro zone distretto, cinque presidi ospedalieri e sessantuno territoriali”.

Al centro dei numerosi interventi la richiesta di strumenti normativi certi, l’attenzione alle peculiarità dei territori, le zone distretto da difendere, le reti ospedaliere e le reti cliniche integrate, la governance di area vasta e l’organizzazione dei dipartimenti nella “grande” ASL.

Insieme a Scaramelli hanno partecipato all’incontro Nicola CioliniEnrico Sostegni, Serena Spinelli, Marco Casucci, Leonardo Marras, membri della commissione sanità e rappresentanti del territorio.

La mattinata si è conclusa con la visita al Pronto Soccorso Generale e Pediatrico dell’Ospedale e alla Scuola di Chirurgia Robotica; quindi, nel primo pomeriggio, trasferimento ad Arezzo, per una nuova full immersion nel territorio, in dialogo con gli operatori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.