Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Forza Italia ci crede: «Grosseto tornerà azzurra». Tutti i nomi del partito maremmano fotogallery

Presentati a Grosseto i componenti del nuovo coordinamento provinciale e i nuovi coordinatori comunali. Insieme al coordinatore provinciale Sandro Marrini sono arrivati in Maremma anche l'onorevole Deborah Bergamini, responsabile comunicazione di Forza Italia e Stefano Mugnai consigliere regionale

GROSSETO – Forza Italia torna sul territorio e in vista del prossimo appuntamento elettorale del 2016 si riorganizza, provincia per provincia, e comune per comune. È così anche per la Maremma dove si andrà al voto in cinque comuni e soprattutto a Grosseto, unico capoluogo alle urne in Toscana.

Una sfida che sarà decisiva per il futuro del centrodestra non soltanto a livello regionale.  «Le amministrative di primavera – dice il coordinatore regionale azzurro, Stefano Mugnai, giunto in Maremma insieme a Deborah Bergamini, responsabile comunicazione del partito – saranno un’occasione unica perché da queste elezioni si capiranno meglio i rapporti di forza all’interno del centrodestra». Insomma Grosseto potrebbe essere una “nuova Arezzo”, dove il centrodestra ha strappato il comune al Pd e dentro Forza Italia sono convinti di poter tornare a governare anche in Maremma. «Non sfugge a nessuno la possibilità di tornare a governare la prima città azzurra della Toscana. Questo ci impone di selezionare una classe dirigente adeguata e oggi presentiamo i nomi del nuovo coordinamento provinciale e i nuovi coordinatori comunali».

Anche Deborah Bergamini è convinta. «Grosseto deve tornare azzurra. Da tempo non vedevo la città e oggi mi rendo conto che non è più quella di un tempo. Si respira una brutta aria. Noi abbiamo dimostrato di essere buoi amministratori e qui possiamo lavorare bene».

“Possiamo vincere” insomma, pensano da Forza Italia anche perché a Grosseto come anche a livello nazionale c’è accordo con la Lega Nord e con Fratelli d’Italia. Ancora non c’è invece una candidatura ufficiale in campo. «Per questo ci sarà tempo» dice Mugnai, «è una questione di qualche settimana». Prima della fine del 2015 insomma il centrodestra avrà scelto. Nessun nome per ora, anche se piace quello di Antonfrancesco Vivarelli Colonna. «Mi ha fatto una buona impressione, ma non spetta a Forza Italia fare i nomi oggi; dobbiamo decidere con gli alleati».

I nomi del nuovo coordinamento – L’attuale coordinatore provinciale Sandro Marrini ha scelto per suoi vice Roberto Berardi, Luciano Giulianelli, Alberto Lazzaretti e come componenti un pattuglione di altre 29 persone compresi i coordinatori comunali che sono Marco Biagioni per Grosseto, Luca Teglia per Orbetello, Simone Seggiani per Roccalbegna, Michele Giannone a Castiglione della Pescaia, Gianni Iozzelli a Scansano, Silvia Ferrini a Monte Argentario, ancora Luciano Giulianelli a Scarlino e Franco Filippini a Follonica.

A far poi parte della segreteria provinciale, oltre appunto ai vice e ai vertici comunali, ci sono da Castiglione della Pescaia Maurizio Ambrosi e Alessandra Vannini, da Cinigiano Alice Bianchini, da Follonica Ezio Puggelli, Marco Rodriguez, Alessio Caselli e Massimiliano Fabbri, da Gavorrano Massimo Lucattini e Mario Ceccarelli, per Grosseto Luca Agresti, Alessandro Antichi, Giampiero Lucchetti, Vera Gimignani Rossi, Federico Forcelloni e Andrea Allegro, per Isola del Giglio Sergio Ortelli, per Massa Marittima Lavdi Sijani, per Monte Argentario Alessandro Roncolini, mentre Nilo Martellini rappresenterà Roccastrada e Francesca Bronzetti con Lorenzo Catalini faranno altrettanto a Scarlino.

«Il quadro dei coordinamenti provinciali – ha spiegato Mugnai – si va componendo in tutta la Toscana. La voglia di lavorare è tanta, c’è fermento e c’è voglia di tornare sul territorio, fuori dai palazzi e sporcandosi le scarpe».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.