Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Orto in condotta”: la cultura del buon cibo entra nelle scuole

Più informazioni su

GROSSETO – La sana alimentazione passa attraverso l’educazione. Questo l’intento dell’iniziativa “Orti in condotta” che l’11 novembre, a livello nazionale, Slow Food festeggia a livello nazionale, nel giorno della festa di San Martino, data tradizionalmente dedicata alla messa a riposo dei campi. Un progetto triennale particolarmente diffuso e che conta in Italia 435 orti e più di 100 condotte coinvolte.

In questa edizione è stato scelto il tema legato al miele e alle api. Tale progetto è stato finanziato dal Comune di Grosseto che consegnerà 20 kit contenenti tovagliette con parametri di gusto, confezione di miele di qualità e un cruciverba a tema, alle ben 20 classi coinvolte dalla scuola elementare Pascoli in piazza Rosselli e dalla scuola media Vico in viale Uranio. L’iniziativa rappresenta uno strumento didattico per conoscere il territorio, i suoi prodotti e le sue ricette ma anche un’occasione per incontrare esperti artigiani, produttori e chef della comunità locale.

«Un’occasione per tramandare il sapere in favore degli uomini e delle donne del futuro – ha spiegato il vicesindaco Paolo Borghi – perché ne va della nostra stessa salute, oltre che della nostra cultura enogastronomica. Slow Food svolge un ruolo prezioso di educaziione alimentare e, come Amministrazione, abbiamo il dovere di essere al suo fianco».

«Portiamo avanti un’idea diversa di alimentazione – ha aggiunto l’assessore al Turismo e allo Sviluppo rurale, Luca Ceccarelli – perché uno dei compiti di chi ha a cuore la salute dei cittadini è proprio quello di saper proporre un modello educativo che riaprta dalla qualità del cibo e dall’educazione al consumo. Ci preoccupiamo del buon cibo e della buona alimentazione con un progetto didattico».

Con la partecipazione attiva delle insegnanti, nelle scuole si parlerà dell’importanza delle api e si degusterà il miele. Il tutto con la supervisione di apicoltori esperti. Studenti, insegnanti, genitori, nonni e produttori locali sono quindi i protagonisti del progetto, in particolare gli adulti e gli anziani costituiscono la comunità dell’apprendimento per la trasmissione alle giovani generazioni dei saperi legati alla cultura del cibo e alla salvaguardia dell’ambiente.

«Aiutare i bambini ad esprimersi, incentivare lo spirito critico – spiegano le insegnanti che seguono il progetto – significa farli diventare consumatori consapevoli».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.