Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rugby: Grosseto soffre ma batte Massa per 18-14

GROSSETO – Vittoria sofferta in trasferta per il Grosseto rugby club, che domenica scorsa a due minuti dalla fine con Guidarini ha trovato il guizzo per battere 18 a 14 gli Apuani di Massa. Pareggiando così la sconfitta interna per 29 a 3 patita nella prima di campionato a Batignano ad opera del forte Elba Rugby.

Tornando al match giocato a Massa, i biancorossi hanno di che festeggiare per il risultato ma di che preoccuparsi per la qualità del gioco espresso, in una gara che è stata salvata dalla solita prepotente e abrasiva mischia. Che in termini fisici ha pochi avversari nel girone. «Sono contento dei punti portati a casa su un campo ostico – sottolinea il vice allenatore Matteo Turchi – ma è evidente che c’è ancora moltissimo da lavorare. Troppi errori individuali, troppa indisciplina e un gioco ancora molto involuto sui tre quarti che non hanno quasi mai profondità. Per il prosieguo del campionato non possiamo affidarci solo alla forza fisica della nostra mischia, e dovremo migliorare molto sul piano tattico».

Il primo tempo si è chiuso in vantaggio per i grossetani per 9 a 7, grazie ai calci piazzati conquistati dai primi otto uomini. Questo nonostante gli errori di trasmissione della palla e i molti falli nei raggruppamenti, con una sconclusionata gestione dei trequarti e del gioco al piede.

Nel secondo tempo miglioravano un po’ le cose nella linea arretrata, mentre la mischia prendeva cinque punizioni in dieci minuti perché nelle ruck i maremmani non rimanevano in piedi, ma affossavano il pallone. Gli apuani chiudevano gli ospiti nei loro 22, fino a segnare una meta a quindici minuti dal termine. Portandosi avanti di un punto. Grosseto non perdeva la testa e cominciava a risalire il campo con ruck e pick and go, fino a conquistarsi con la pressione una mischia chiusa al centro dei 22 dei padroni di casa. Con i compagni schierati tutti a destra, Guidarini chiamava palla al mediano a sinistra e batteva il proprio diretto avversario con la sua seconda meta che valeva il match (18-14).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.