Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Una ‘tela della legalità’ da Ribolla a Corleone, dipinta con i colori della giustizia sociale

Realizzata lo scorso settembre nella frazione di Roccastrada dalla comunità locale e presentata nei giorni scorsi a Firenze

RIBOLLA – Una “tela della legalità” lunga dieci metri con disegni e pensieri della comunità di Ribolla, frazione di Roccastrada, sul contrasto a ogni forma di illegalità, ingiustizia sociale e corruzione. E’ quella realizzata lo scorso settembre nella frazione roccastradina con il coinvolgimento di cittadini e associazioni locali nell’iniziativa ColorArci e presentata nei giorni scorsi a Firenze durante la conferenza finale del progetto nazionale “Sentinelle della Legalità”, promosso da Ministero della Pubblica istruzione, Regione Toscana e Fondazione Caponnetto per sensibilizzare i giovani sui temi della legalità democratica. La ‘tela della legalità’ di Ribolla sarà esposta in maniera permanente in una scuola di Corleone, in provincia di Palermo, grazie alla collaborazione con l’associazione “Fior di Corleone” presieduta da Maurizio Pascucci, membro della commissione per la gestione dei beni confiscati alle mafie del Senato.

All’appuntamento fiorentino, che ha visto la partecipazione di numerosi studenti delle scuole toscane e venete di diverso ordine e grado coinvolte nel progetto, hanno preso parte, fra gli altri, Paolo Borrometi, giornalista impegnato nella lotta alla criminalità organizzata; Domenico Bilotta, responsabile nazionale Scuola per la Fondazione Caponnetto; Mario Michele Giarrusso, membro della commissione antimafia del Senato e numerosi funzionari di questure coinvolte nell’iniziativa nazionale di educazione alla legalità democratica.

“La tela della legalità – afferma Antonio Senserini, capogruppo in consiglio comunale a Roccastrada per ‘Centrosinistra per Roccastrada’ che ha seguito da vicino l’iniziativa – porterà a Corleone un pezzo di Ribolla e sarà una testimonianza permanente della solidarietà della nostra comunità verso chi si impegna ogni giorno per affermare la legalità democratica e contrastare ogni forma di ingiustizia sociale e corruzione. Valori, da sempre, forti e radicati sul nostro territorio, celebrati da disegni e pensieri dipinti con i colori della pace, della giustizia sociale e dell’antimafia. Il nostro impegno su questo fronte continuerà anche con altre iniziative, contando sulla sensibilità dei cittadini e coinvolgendo sempre di più le scuole, luoghi dove si formano i cittadini del futuro”.

L’iniziativa organizzata a Ribolla lo scorso settembre è stata promossa dal locale circolo Arci, con Graziella Barazzuoli, Roberto Civilini e Piero  Galgani, in collaborazione con l’associazione  A.V.R.A.I.  Ribolla e con il patrocinio del Comune  di Roccastrada. La tela è stata realizzata sotto la direzione artistica di Pilar Danilovic, con materiali messi a disposizione anche dall’associazione ‘L’Unicorno’ di Montemassi e porterà a Corleone la “firma”, fra gli altri, del sindaco di Roccastrada, Francesco Limatola, dell’assessore all’associazionismo, Emiliano Rabazzi e del consigliere comunale Antonio Senserini, oltre al comandante della Stazione Carabinieri di Ribolla, Paolo Doneddu.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.