Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Turismo: credito per le imprese ricettive. A confronto Confesercenti e Unicredit

Più informazioni su

GROSSETO – Se ne parla da anni come dell’oro nero del nostro paese, la grande ricchezza da valorizzare per sostenere e rilanciare l’economia italiana. E in effetti il turismo ha un peso rilevante per l’economia italiana, in particolare per la Toscana. Sulla base del Rapporto sul Turismo 2015 curato da UniCredit in collaborazione col Touring Club Italiano, la Toscana è al secondo posto in Italia per numero di esercizi turistici, di numero di letti totali e di presenze turistiche complessive (dati 2013). Nel quinquennio 2008-2013 è cresciuta proprio in termini di letti totali del 5,4%, rispetto all’1,7% di media italiana, facendo sì che il turismo rappresenti oggi per la regione il 4,9% del valore aggiunto, dando lavoro al 9,4% del totale occupati della Regione.

Di questo si è parlato in occasione dell’incontro di Grosseto cui hanno partecipato Anna Barberini Presidente Assohotel Confesercenti  Grosseto, Luca Ceccarelli Assessore Turismo Comune di Grosseto , Fabrizio Bartalucci, Vice Area manager Toscana ovest Unicredit , Alberto Sorrentini – Direttore di Distretto Grosseto UniCredit, Leo Bruscoli  Direttore Commerciale e Marketing Italia Comfidi e Mario Romanelli fondatore di Travel Appeal, il Vice Presidente di Confesercenti Grosseto Graziano De Santis.
L’Assessore al Turismo Luca Ceccarelli nei saluti iniziali ha sottolineato che: “Il turismo costituisce, insieme al settore primario, uno dei driver su cui puntare per il nostro sviluppo. Riflettere ed attuare strategie di destinazione turistica basate sull’intercettare le nuove domande attraverso i nostri quattro assi ovvero storia, natura, gusto e sport riveste un’importanza fondamentale. Per questo è importantissimo che vi siano soggetti sensibili ed attenti come UniCredit e Confesercenti che hanno dedicato a questi  temi una straordinaria giornata”.
“La Toscana – ha dichiarato Fabrizio Bartalucci, Vice Area Manager Toscana Ovest di UniCredit – ha un significativo grado di internazionalità per quello che riguarda il turismo: il 54,3% delle presenze turistiche totali in regione è straniero, con la Germania al primo posto, seguita dagli USA e dai Paesi Bassi. Abbiamo fra le mani un brand senza uguali nel mondo, un patrimonio dalle infinite potenzialità. Come banca, UniCredit si impegna oggi, con questo nuovo programma, a sostenere gli operatori del settore affinché migliorino la propria offerta di accoglienza, con una progettualità articolata e completa che non si limita al solo sostegno finanziario”.

“L’offerta di UniCredit alle aziende del settore si basa su quattro pilastri.” ha aggiunto Alberto Sorrentini, Capo Distretto UniCredit per Grosseto, ”Innanzitutto un innovativo applicativo digitale, Travel Appeal, per conoscere meglio il mercato e i concorrenti, quindi un plafond per finanziare lo sviluppo delle imprese toscane, nuovi strumenti assicurativi per la protezione del business, un percorso formativo per accrescere le proprie competenze. In particolare UniCredit 4 Tourism propone la rinegoziazione dei mutui esistenti per ottenere un prolungamento fino a 22 anni o il prestito alle imprese con rate rimborsabili solo in stagione lavorativa, due finanziamenti specifici che hanno l’obiettivo di fornire al settore occasioni di sviluppo e crescita”.

Per Anna Barberini, Presidente Assohotel Confesercenti  Grosseto “L’iniziativa di UniCredit deve essere particolarmente apprezzata perché si svolge in una zona della Toscana che trova nel turismo un assett fondamentale e che ha bisogno di risorse per rinnovarsi ed essere competitiva. Così come attrattivo e competitivo deve essere tutto il contesto territoriale della destinazione turistica Maremma.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.