Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Usavano richiami vivi illegali: multe da 1.500 euro per 5 cacciatori foto

GROSSETO – Stavano cacciando come mezzi illegali, per questo il corpo della Forestale ha denunciato cinque persone, cinque cacciatori, sequestrando 13 animali da richiamo vivi, cinque fucili e numerosi tordi abbattuti in modo non consentito.

Gli uomi della Forestale hanno denunciato le cinque persone alla Procura dela Repubblica di Grosseto sanzionandoli con 1550 euro perché i cacciatori usavano richiami vivi a cui era stato tagliato l’anello di riconoscimento legato alla zampa. L’anello inamovibile è come una sorta di targa che viene applicata agli uccelli per riconoscerli da quelli catturati in modo illegale che così diventano detenuti lecitamente e quindi immessi a caro prezzo nel mercato.

caccia illegale richiami

Il codice indica infatti la provenienza e il possessore dell’animale. Chiunque detiene o utilizza richiami vivi con anello mancante o rimovibile commette pertanto un reato.

Durante i controlli sono state elevate anche altre sanzioni. La più ricorrente è quella per caccia da appostamento fisso non autorizzato. Alcuni cacciatori infatti non provvedono a smontare a fine giornata l’appostamento temporaneo come previsto dalla norma.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.