Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

144 mila euro per eliminare zanzare, moscerini e topi: Orbetello organizza la disinfestazione

Più informazioni su

ORBETELLO – Si cerca di correre ai ripari, ad Orbetello, per risolvere ed affrontare il noioso problema dei moscerini e delle zanzare, e lo si farà tramite un investimento pubblico di circa 144 mila euro per due anni, dal 2015 al 2017. Durante la scorsa estate, infatti, e purtroppo ancora adesso gli insetti stanno creando non pochi problemi ai cittadini lagunari ed ai turisti in visita ai ristoranti: ma se per le zanzare, a quanto pare, la legge prevede la possibilità di intervenire, questo non sembra possibile per i moscerini, per l’eliminazione dei quali non ci sono protocolli sanitari previsti per legge.

La questione è però molto fastidiosa, dovuta probabilmente ad un particolare mix tra condizioni climatiche dell’anno e l’umidità che, da sempre contraddistingue la cittadina lagunare, la quale necessita di essere affrontata bene in prospettiva futura, in modo da salvaguardare la qualità della vita degli orbetellani e l’attività degli esercizi commerciali lagunari che operano con il turismo. Per questo è già in fase inoltrata lo svolgimento di un bando per individuare la ditta che si occuperà della prevenzione e della bonifica delle infestazioni in aree pubbliche e private nel biennio 2015-2017.

In pratica controllo, continuo e costante, sia delle zanzare che della popolazione dei topi che, soprattutto nel 2014, crearono tanti problemi. Ma per i moscerini la questione sarà più difficile: «La procedura di affidamento è già in corso sulla piattaforma Start regionale e si dovrebbe concludere tra pochi giorni – spiega l’assessore orbetellano all’ambiente, Mauro Barbini – l’attività di prevenzione e di bonifica comincerà a breve, subito dopo l’affidamento, e durerà per i due anni successivi riguardo a zanzare e topi. Per in moscerini, invece, pur avendoci messo tutta la buona volontà ci siamo sentiti rispondere dall’Asl che non sono previsti protocolli, perché tali insetti fanno parte di una catena alimentare. Per questo – conclude l’amministratore – interverremo per le zanzare con la speranza che questo serva a tutelarci anche da altri insetti».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.