Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Pd e il sondaggio che spacca il partito. Capone: «Non ne sapevo niente»

Più informazioni su

GROSSETO – «Ci mancava pure il sondaggio». Sarebbero state queste parole di qualche componente dell’Unione comunale del Pd a commento della situazione che sta vivendo il partito in questa stagione pre elettorale.

Se non fossero bastati i confronti accesi di ieri pomeriggio nella riunione del Pd grossetano, a gettare benzina sul fuoco ci hanno pensato oggi le rivelazioni sul sondaggio commissionato dai “dem” per capire come muoversi nell’imminente scelta del candidato a sindaco del capoluogo.

Già ieri si era creata una fronda piuttosto numerosa contro la scelta di commissionare un sondaggio, ma oggi alla luce anche di come l’indagine viene condotta tra i grossetani, il clima nel Pd è diventato tesissimo.

La posta in gioco è sicuramente alta, i nervi sono a fior di pelle, ma oltre a creare tensioni dentro al partito, questa situazione crea confusione anche all’esterno. È di oggi per esempio la presa di posizione di Antonio Capone, dirigente della Confidustria grossetana, che è intervenuto proprio sul famigerato sondaggio. Lui è stato inserito tra i nomi da sondare e oggi spiega. «In relazione alle notizie apprese sulla stampa circa la presenza del mio nome tra quelli oggetto del sondaggio promosso dal Partito Democratico in vista delle prossime elezioni comunali di Grosseto – scrive Capone in una nota -, comunico che non conosco le motivazioni dell’inserimento del mio nominativo tra quelli menzionati sull’articolo di oggi che, peraltro, annovera diversi nominativi rispetto alle figure afferenti al Pd stesso».

Insomma il sondaggio alla fine potrebbe rivelarsi per il Pd una sorta di boomerang, almeno in termini di immagine. La rilevazione dovrebbe durare una settimana (il campione da raggiungere dovrebbe essere di 1.000 intervistati). Poi ci saranno i risultati. Che siano più o meno utili alla scelta del candidato questo è ancora da capire. Ma questa è un’altra storia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.