Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cgil «Dal Jobs act penalizzazioni inaccettabili per l’accesso alla Naspi»

GROSSETO – «I decreti attuativi del Jobs Act introducono penalizzazioni inaccettabili nell’accesso alla Naspi (nuova indennità di disoccupazione) per chi svolge il ruolo di lavoratore domestico, in stragrande maggioranza donne». Afferma la Filcams Cgil.

«La circolare Inps n° 142 che specifica le condizioni per l’accesso all’indennità di disoccupazione in base ai recenti decreti attuativi del Jobs Act – spiega Andrea Ferretti, segretario provinciale della Filcams grossetana – prevede che una lavoratrice domestica debba aver lavorato per almeno 5 settimane con un minimo di 24 ore lavorate a settimana (120 ore in cinque settimane), pena l’impossibilità di accedere agli ammortizzatori sociali. Ora – aggiunge Ferretti – tutti sanno che una buona parte delle lavoratrici domestiche contrattualizzate, si calcola più di un terzo del totale, non hanno un monte orario settimanale di 24 ore, ma molto meno».

Da una stima basata sui dati Inps 2014 relativi al numero di rapporti di lavoro registrati al di sotto delle 24 ore, emerge che in virtù della nuova normativa si nega l’accesso alla Naspi ad oltre 300 mila lavoratori e lavoratrici (più di un terzo del totale occupati regolari nel settore).

«Con questa situazione – aggiunge Ferretti – s’introduce un’evidente iniquità, per cui una lavoratrice domestica part time, che magari lavora per 12 mesi continuativi con un contratto di 20, o anche 23, ore settimanali non potrà accedere alla Naspi, mentre una lavoratrice di un altro settore con un identico contratto part time, anche con una anzianità inferiore, percepirebbe regolarmente il trattamento. La Filcams Cgil ritiene tutto questo inaccettabile – conclude Ferretti – e di conseguenza ha la ferma volontà di contrastare questo tipo d’interpretazione della normativa. Il Jobs Act nasconde molte di queste “trappole”, che oltretutto penalizzano generalmente tipologie di lavoratori precari e a basso reddito».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.