Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanità, come cambia e il futuro di Massa Marittima: il sindaco Giuntini incontra i vertici Asl

MASSA MARITTIMA – L’assistenza sanitaria ospedaliera, i lavori al Sant’Andrea, la piena attuazione del programma previsto dal Patti territoriali. Sono questi i temi dell’incontro che si è svolto ieri mattina all’ospedale di Massa Marittima tra il sindaco, Marcello Giuntini, il vicecommissario della Asl 9, Daniele Testi, il direttore della struttura, Alessandra Barattelli. Un appuntamento voluto dal primo cittadino per fare il punto sulla sanità locale, in particolare sull’ospedale, e proseguire un percorso condiviso che prevede anche una serie di incontri successivi.

Il prossimo, infatti, con la partecipazione del direttore del Distretto, Maurizio Trifoglio, sarà centrato sull’assistenza territoriale e sull’integrazione ospedale territorio, cui oggi è stato dedicato un breve passaggio riguardo all’incremento dei posti letto nell’ospedale di comunità, alla realizzazione della Casa della salute e alla razionalizzazione degli ambulatori, dato che sono tutti all’interno della struttura ospedaliera.

In questo momento, infatti, sono in corso il lavori per la ristrutturazione di un’ala del primo piano del Sant’Andrea (lasciata libera dai letti di Area medica, spostati al secondo piano, nei nuovi spazi inaugurati a febbraio 2015), dove verranno gradualmente accorpati tutti gli ambulatori specialistici, ospedalieri e territoriali (a giugno sono partiti i lavori per quelli di Cardiologia e di Medicina).

“E’ stato un incontro produttivo e rassicurante – ha dichiarato il sindaco Marcello Giuntini – oggi dedicato soprattutto all’ospedale, mentre il prossimo sarà sull’integrazione ospedale-territorio e sulla rete dell’assistenza ai cittadini, che vede nella realizzazione della Casa della salute e nell’incremento dei posti letto all’ospedale di comunità, una risposta concreta ai bisogni espressi da questo territorio. Ho riscontrato piena sintonia con il vicecommissario Testi, anche se è nostra intenzione seguire e monitorare costantemente lo stato di avanzamento dei lavori e di attuazione dei Patti territoriali. Infatti, a questo incontro e a quello già previsto, ne seguiranno altri analoghi, con l’obiettivo di fare periodicamente il punto ed evidenziare eventuali ritardi o incongruenze nel programma. A breve, inoltre, faremo anche una visita all’ospedale, nelle parti già ristrutturate e nelle aree di cantiere, per verificare fisicamente l’andamento dei lavori”.

Come è stato ristrutturato l’ospedale
Il sant’Andrea è stato oggetto di interventi di ristrutturazione, iniziati nel 2008, per oltre 12 milioni di euro di investimenti, secondo un programma condiviso con il territorio e riportato nei Patti territoriali del 2007, negli aggiornamenti del 2008, ribadito e ampliato nei nuovi Patti del 2013.
Il risultato è un deciso miglioramento strutturale, modifiche alla distribuzione interna degli spazi, interventi nella parte esterna, con la realizzazione della piazzola dell’elisoccorso, inaugurata a gennaio 2011, e del parcheggio di fronte all’ingresso principale.
Dal 2008 al 2013, è stato realizzato il nuovo blocco chirurgico – due sale operatorie a servizio della Chirurgia generale e dell’Ortopedia – l’ambulatorio per la riabilitazione e i locali per le attività di servizio, il poliambulatorio, il laboratorio analisi, il Centro trasfusionale, la dialisi, ampliata e portata a 14 posti.
Sono stati successivamente completati i lavori per la Week surgery e l’Endoscopia, sono state realizzate l’area con letti di monitoraggio respiratorio, l’area chirurgica, destinata ai pazienti che hanno subito interventi e che necessitano di ricovero per uno o più giorni.
A febbraio 2015 è stata inaugurata la nuova Area medica e a giugno sono partiti i lavori per spostare tutti gli ambulatori specialistici al primo piano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.