Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ancora un attacco dei predatori: azienda colpita due volte in dieci giorni «Anche di giorno»

MANCIANO – Ancora un attacco alle greggi a Manciano. Ancora una volta un’azienda ha visto uccidere i propri animali. a Raccontarlo è la Coldiretti che afferma: «Sabato mattina, dopo le ore 9, l’azienda di Ivaldo Falchi, in località La Sgrilla, nel comune di Manciano, ha subito un nuovo attacco delle bestie predatrici al suo gregge di pecore. Non si tratta della prima volta infatti per quest’azienda, appena  dieci giorni fa, gli sono state uccise cinque pecore, un attacco che aveva fatto decidere l’uomo di non far più uscire il suo gregge per il pascolo, ma sabato dopo dieci giorni Falchi decide di far uscire di nuovo le pecore al pascolo e dopo un brevissimo lasso di tempo in cui lui si era allontanato il predatore ha sferrato l’attacco riducendo in fin di vita un ovino morto poco dopo».

«Quanto accaduto al nostro socio – parla Andrea Renna, direttore di Coldiretti Grosseto – dimostra ancora una volta come sia indispensabile ormai concertare azioni diverse. Abbiano chiesto alla nostra sede regionale e tramite il presidente di Coldiretti Toscana Tulio Marcelli di chiedere all’ assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi la possibilità di presenziare alle fasi di cattura. Oramai la situazione però si è anche troppo evoluta e, a prescindere dalle catture, dobbiamo tutelare le imprese e gli allevatori, e soprattutto garantire  i redditi di questi ultimi e la salubrità delle greggi. Ricordiamo nell’occasione che abbiamo attivo uno sportello per la richiesta dei danni in regione, ma è indispensabile un cambio di passo nella prevenzione e nella tutela delle aziende».

«Questa è un’impresa colpita sia dall’alluvione che da ripetuti attacchi dei predatori, lupi, ibridi o canidi che siano, che ormai non si fermano più neanche durante il giorno – conclude Coldiretti – . La situazione è diventata intollerabile e non permette più agli allevatori di svolgere il loro lavoro con normalità».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.