Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

 Da Unicoop Tirreno 133.152 euro per la solidarietà: sono stati raccolti dai soci

Sarà presentato alla Consulta delle Presidenze delle Sezioni Soci, che si riunisce a Riotorto (Li) (Residence Borgo degli Ulivi) venerdì 18 settembre, il risultato delle donazioni stanziate da Unicoop Tirreno per i progetti di solidarietà.

Più informazioni su

RIOTORTO (LI) – 133.152 euro è la cifra complessiva destinata nel 2015 alle associazioni Onlus e Ong che seguono i progetti di solidarietà più importanti di Unicoop Tirreno: AVSI, Emergency, Movimento Shalom e Oxfam Italia.

Si tratta di progetti inseriti nel “catalogo punti fedeltà” (aprile 2014 – marzo 2015), ma anche di interventi di natura straordinaria maturati nel corso del 2015. La cifra di 133.152 euro è stata raccolta in un anno grazie alle donazioni di 4.398 soci di Unicoop Tirreno che hanno devoluto in solidarietà parte dei loro punti accumulati facendo la spesa, di circa 600 dipendenti della Cooperativa che ogni mese destinano un euro di stipendio ai progetti di solidarietà, alle raccolte fondi organizzate dalle Sezioni soci, alle donazioni dei fornitori a cui si aggiunge il contributo diretto della Cooperativa.

Questi i progetti che hanno ricevuto i fondi:

Emergency: Poliambulatorio di Palermo, per garantire assistenza gratuita a migranti e residenti in stato di bisogno.

Avsi: Cuore di Coop, sostegno a distanza di 196 bambini.

Movimento Shalom: La casa di Giacomo e Vanda in Togo, un centro di formazione scuola e lavoro dedicato alla memoria di Vanda Spoto, consigliera di amministrazione Unicoop Tirreno e presidente di Legacoop Campania, e Giacomo, giovane volontario del Movimento Shalom. La sostenibilità della struttura è garantita da una rivendita di pane, in fase di avvio. Progetto Matteo, a sostegno di un orfanotrofio in Burkina Faso.

Oxfam Italia: Unicoop Tirreno, insieme alle altre Coop del Distretto Tirrenico, ha dato un sostegno economico alle popolazioni colpite dal terremoto in Nepal per far fronte all’emergenza di base.

“L’impegno diretto di Unicoop Tirreno e di migliaia di soci –commenta Massimo Favilli, direttore soci e comunicazione della Cooperativa- ha prodotto dunque risultati importanti, che hanno consentito di mantenere alta l’attenzione verso i più bisognosi anche in periodi difficili come quello che stiamo attraversando”.

La solidarietà di Unicoop Tirreno è anche molto altro: il progetto Buon Fine, che recupera merci ancora buone per uso alimentare, ma non più vendibili, perché vicine alla data di scadenza oppure perché hanno la confezione ammaccata (nel 2014 ci ha permesso di donare attraverso una rete di collaborazioni con circa 50 onlus oltre 2,7 milioni di euro di prodotti destinati alle mense dei poveri o a famiglie bisognose); il progetto Ausilio per la spesa, che attraverso una rete di oltre 200 volontari di associazioni del territorio e di Coop, nel 2014 ha permesso di consegnare 7.201 spese a domicilio di 257 persone che altrimenti avrebbero difficoltà nel recarsi a fare la spesa; la raccolta alimentare Pane quotidiano promossa ogni anno dalla Cooperativa (a maggio 2015 sono state 68 le tonnellate di derrate alimentari donate alle associazioni). Inoltre, un impegno pressoché costante nel sostenere associazioni di volontariato nel territorio e enti appartenenti ai tradizionali ambiti di assistenza sociale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.