Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Studenti contro la “buona scuola”: «Distorce il merito e le democrazia»

Più informazioni su

GROSSETO – Contro la riforma della scuola interviene la Rete degli studenti medi, anche in provincia di Grosseto.

“Quest’anno ci mobilitiamo fin dal primo giorno di scuola perché siamo contrari alla legge 107/15 e rivendichiamo una scuola nuova dove l’apprendimento, la didattica e lo studente siano realmente al centro: una Scuola capace di garantire ed educare alla democrazia, all’integrazione e all’inclusione di tutti attraverso il diritto allo studio e il potenziamento dei servizi per gli studenti, una scuola che non sia diseguale e selettiva ma punti a portare ciascuno al successo formativo” dice Alberto Irone, portavoce della Rete degli Studenti Medi “Chiediamo da anni che la scuola diventi un motore di cambiamento sociale, un centro civico, uno spazio d’aggregazione che sappia governare le complessità tutelando le differenze, che realizzi l’eguaglianza sostanziale valorizzando le diversità di ciascuno di noi. Mai come in questo momento storico crediamo che l’istruzione rappresenti l’arma più potente per cambiare il mondo e, nel nostro piccolo, la nostra Europa, in cui assistiamo ancora increduli all’innalzarsi di muri costruiti sull’egoismo, le paure e l’odio e non invece ponti di solidarietà, rispetto per il diverso e piena integrazione” conclude Irone “Noi questi muri li vogliamo abbattere, per costruire dalle loro macerie una società diversa, una scuola che si ponga l’obiettivo primario, in questa fase storica, di diventare centro educante di comunità che si fondano sul rifiuto del razzismo e della xenofobia. Il diritto allo studio per tutte e tutti e l’innalzamento dei livelli d’istruzione sono rivendicazioni universali ad oggi inascoltate per cui ci siamo battuti nel corso di questi anni. Mai come ora c’è necessità di attuarli per sconfiggere il ritorno dei neo-fascismi e di chi crede che nessuna vera integrazione sia possibile: ognuna di queste rappresenta un altro mattone per il futuro. Another brick for the future.”

“E’ importante lanciare un messaggio forte e deciso di fronte alle disuguaglianze crescenti che fermano lo sviluppo della nazione” afferma Francesca Lanza, coordinatrice della Rete Studenti Medi Grosseto “In particolare la scuola dovrebbe essere considerata e rispettata, dato il suo scopo essenziale. Essa è la fucina in cui viene forgiato il futuro del nostro Paese, ed è oggetto di continui attacchi dal governo, che dovrebbe esserne piuttosto tutore. Per tale motivo, siamo pronti fin dal primo giorno di scuola ad abbattere simbolicamente il muro delle  disparità, disparità fortemente presenti, sempre piú radicate nel quotidiano, in particolar modo nell’istruzione pubblica e è più in generale nella società di tutti i giorni.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.