Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il cordoglio per la scomparsa di Laura Perna: «Ha reso migliori anche noi»

GROSSETO – La città di Grosseto esprime il proprio cordoglio per la scomparsa della dottoressa Laura Perna. A intervenire è il sindaco Emilio Bonifazi: «L’amministrazione comunale e la città di Grosseto ricordano con affetto e gratitudine la dottoressa Laura Perna, scomparsa alcune ore fa nella Repubblica democratica del Congo, dove nel 1991 iniziò la sua straordinaria avventura a favore dei bambini africani più sfortunati. Quella della dottoressa Perna è stata un’attività tutta incentrata sull’aiuto ai più deboli, mettendo a frutto le proprie competenze insieme a tanta passione e a una contagiosa carica di amore per il prossimo».

«Una testimonianza che ho avuto l’onore di raccogliere, andandola a trovare a Kimbondo nell’ospedale da lei realizzato e gestito con il sostegno di tanti volenterosi cittadini, medici, enti e istituzioni: su tutti padre Hugo e l’associazione ‘Un mondo di amici’. La fondazione pediatrica che ha avuto origine da questo progetto assiste ancora oggi migliaia di bambini malati o abbandonati dalle famiglie e con loro adulti in grave difficoltà. Laura Perna, con il suo silenzioso esempio, ci lascia una importante eredità, quella del dare e del darsi per chi ha bisogno – aggiunge il primo cittadino -. Quella della solidarietà, senza condizioni e limiti. Quella dello spendersi in progetti concreti con preparazione e senza mai improvvisare. A lei diciamo grazie! A nome dei bambini curati, di quelli assistiti e salvati da destini tragici. Grazie anche a nome della città di Grosseto che con il suo operato sarà sempre associata a persone generose, pronte a offrire aiuto, un sorriso e tanta semplicità».

Al cordoglio si aggiunge anche il consigliere regionale del Pd Leonardo Marras con il suo ricordo: «Ci sono viaggi diversi dall’Africa. Persone che arrivano in Europa fuggendo e c’è chi in Africa ha scelto di andare. Due scelte unite dal desiderio di vivere. Laura Perna era andata in Congo a Kimbondo e laggiù aveva fondato un ospedale pediatrico per aiutare i bambini. E’ stata una scelta gioiosa che l’ha resa felice per 96 anni. Laura Perna ha reso migliori anche noi, e di questo la ringraziamo con affetto».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.