Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

TransUmando, Remaschi: “Un viaggio lento, verso il recupero di valori e tradizioni”

Più informazioni su

FIRENZE – Un viaggio lento, al ritmo degli animali, alla riscoperta di antiche tradizioni e costumi. TransUmando, evento sostenuto da Regione Toscana (che lo ha finanziato nell’ambito delle iniziative collaterali di Expo 2015), Terre Regionali Toscane, Comune di Montalto di Castro e Parco Archeologico Naturalistico di Vulci, FIT (Filiera Ippica Toscana), Region Paca (Francia), Italtel, Ruffino, Chianti Banca, animerà i territori dell’alto Lazio e della bassa Toscana dall’11 al 20 settembre.

Oggi a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze l’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi, insieme al presidente dell’Associazione TransUmando Ernesto Bini Galeffi e al fondatore e animatore del Théâtre du Centaure Manolo, hanno illustrato i contenuti della manifestazione che ha l’obiettivo di valorizzare e promuovere tradizioni e cultura del mondo rurale attraverso la riproposizione della transumanza.

“La Toscana ha sposato l’iniziativa – ha spiegato l’assessore Remaschi – per tutta una serie di significati e valori che la legano in modo molto stretto alla cultura e alle tradizioni dei suoi territori. Un modo lento di attraversare luoghi e città, in un momento storico in cui la tendenza è quella di vivere di corsa, al ritmo di telefoni portatili e tablet, permette di recuperare e vivere determinati valori. Ma anche di apprezzare aspetti e caratteristiche che altri mezzi e modalità di viaggio non consentirebbero”.

La carovana, che partirà venerdì 11 settembre dal Parco archeologico naturalistico di Vulci (Montalto di Castro, in provincia di Viterbo), arriverà ad Arezzo con tappe ad Alberese-Loc. Spergolaia, a Grosseto, San Galgano-Chiusdino e Siena. Sia a Siena che ad Arezzo è prevista una sfilata per le strade delle due città. L’intero tragitto sarà percorso da 30 butteri maremmani ed un gruppo di Gardians della Camargue, un branco di puledri, una ventina di vacche maremmane, 20 fattrici camarghesi ed un centinaio di pecore.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.