Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ombrone, Rabazzi: «Basta giri di valzer, politica intervenga per la sicurezza»

PAGANICO – «Moderatamente soddisfatto». E’ il commento del presidente provinciale Cia di Grosseto Enrico Rabazzi a margine del vertice che si è tenuto questa mattina a Paganico per fare il punto sui danni causati dall’ultima ondata di maltempo. Presenti all’incontro le tre associazioni agricole del territorio, rappresentanti del Consorzio di bonifica, il sindaco e l’assessore competente di Civitella Paganico.

«Moderatamente- ha specificato Rabazzi – perché se da una parte ho trovato disponibilità e condivisone d’intenti, sale la rabbia quando ci si rende conto che, ancora una volta, siamo a parlare delle medesime cose. Ancora una volta siamo a prendere atto che chi doveva intervenire per tempo non lo ha fatto; ancora una volta vediamo il nostro territorio e le nostre aziende colpite dall’incuria e, ancora una volta,  ci rendiamo conto che chi vive lontano dalle aree urbane deve solo fare affidamento sulle proprie forze. Se è assodato che il clima sta cambiando e che dobbiamo fare i conti  con i temporali violenti, è altrettanto evidente che abbiamo bisogno di un monitoraggio costante del territorio, di un’attenzione per i fiumi e di interventi coerenti e puntuali».

«La solidarietà che abbiamo portato alle famiglie e agli imprenditori di Monte Antico e di Pari, zone tra le più colpite e alle quali abbiamo voluto far visita, non basta per risanare il danno morale ed economico. Una consapevolezza, questa,  condivisa da tutti i presenti – ha aggiunto – a dimostrazione che non si tratta della solita lamentela fatta da noi rappresentanti del mondo agricolo ma di un danno a un intero territorio. Ringrazio il Presidente del Consorzio di Bonifica e il Sindaco che in linea con le nostre richiesta hanno concordato che servono interventi urgenti soprattutto per mettere in sicurezza il Fiume Ombrone un fiume, vale la pena ricordarlo, potenzialmente pericoloso a causa della grande variabilità della sua portata».

«Se contro le bizzarrie climatiche poco si può fare – ha concluso  Rabazzi -, interventi immediati possono però limitare i danni nel futuro: si devono tagliare subito gli alberi cresciuti lungo le rive del fiume, tappare le buche scavate negli argini dalle nutrie e togliere  ghiaia e sabbia dall’alveo. E questo malgrado l’alzata di scudi e le urla degli ambientalisti che, siamo sicuri,  non tarderanno ad arrivare. A questo punto la politica dovrà scegliere e dimostrare da che parte sta».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.