Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pini a Principina: «delibera sbagliata, basta con i tagli». 5 Stelle: «Forse danno erariale»

Più informazioni su

GROSSETO – Movimento 5 Stelle e comitato “Salviamo le pinete” contro il Comune. Questa mattina sono stati presentati due reclami contro la delibera di giunta del 3 agosto che dà mandato agli uffici competenti di verificare e pianificare gli interventi necessari per la manutenzione del centro abitato di Principina a Mare.

Nel provvedimento approvato dall’esecutivo Bonifazi si legge in premessa che i pini che danno su alcune vie della località balneare con i loro rami potrebbero rappresentare un rischio per la viabilità.

Pentastellati e comitati sono preoccupati che con questa delibera si torni a tagli indiscriminati di piante e rami come già accaduto in passato. «Abbiamo presentato un reclamo contro questa delibera che secondo noi è sbagliata – dice Giacomo Gori capogruppo in consiglio per M5S -. Chiediamo che venda revocata perché in premessa si specifica che l’atto è stato voluto per dare degli indirizzi ai settori di compteneza, ma poi non si dà nessun indirizzo. Nel caso in cui la delibera non venga ritirata procederemo presentando un esposto alla Corte dei Conti per danno erariale. Siamo stufi di questo comportamento da parte dell’amministrazione comunale».

Alle parole di Gori fanno eco quelle dei rappresentanti dei comitati spontanei tra cui quelli di “Salviamo le pinete” che riunisce diverse associazioni del territorio. «Sulla gestione della pineta – dice Ugo Corrieri – noi vogliamo un percorso partecipato e dal prossimo 4 settembre per sei mesi aprire un tavolo di governo ch eprenda in considerazione l’intera pineta dall’Uccellina a Castiglione della Pescaia».

Quello che contestano 5 Stelle e comitati, al di là, dell’atto formale della giunta, è l’atteggiamento dell’amministrazione. «Si continua – dice Gori – con la politica di tagli indiscriminati del verde. Non solo a Grosseto. Questa sembra un’attività che si sta sviluppando un po’ in tutti i comuni e forse è legata anche ai contributi per gli impianti a biomasse».

Sull’argomento interviene anche Michele Scola di Italia Nostra. «In questo momento di forti cambiamenti climatici, noi continuiamo a tagliare gli alberi. È una cosa assurda. La soluzione non è tagliare le piante, ma fare manutenzione. Perché se si dice che i pini sono pericolosi a Marina e a Pirncipina bisogna dire che sono pericolosi anche quelli nella pineta che ospita i campeggi. Perché le aree dei campeggi non sono pericolose? La risposta è semplice, perché in quell’area si fa manutenzione e i pini non sono affatto pericolosi».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.