Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Si chiude con un triplo concerto il Festival RealGiallu: a settembre tante novità

Più informazioni su

FOLLONICA – Il festival RealGiallu ha salutato il suo pubblico con le note del Salento dei Bundamove e un regalo dei Quartiere Coffee. Si è conclusa la seconda edizione della rassegna organizzata dall’associazione che porta il nome dell’artista Gianluca Acquilino, dal titolo “Parole di musica”: l’arrivederci ai prossimi appuntamenti, programmati per l’inverno 2015, è stato preparato nei minimi dettagli per regalare una serata senza eguali alla città di Follonica. Tre band si sono alternate sul palco allestito tra il Congo Bar e il ristorante Tiburon, in via Spiaggia di Levante.

La serata è stata presentata da Filippo Fratangeli, che insieme alla sua band, Quartiere Coffee, ed ai Raniss, ha deciso di scrivere un brano (con la collaborazione di Mario Cianchi della Emi), auto prodotto, i cui ricavati andranno interamente alla RealGiallu. Il pezzo “Io scelgo te”, è stato presentato durante la serata e uscirà per l’associazione in distribuzione digitale con Pirames. Questo è solo il primo passo di un progetto che ogni anno vedrà coinvolti artisti diversi per la pubblicazione di un singolo i cui proventi andranno alle attività del gruppo. Il festival ad ogni sua edizione porterà sul palco band di giovani musicisti per costruire a Follonica, con la collaborazione di tutti, una città della musica all’insegna del talento e dell’impegno comune.

Primi ad esibirsi gli “Etruschi from Lakota”: Simone Sandrucci, chitarra elettrica, chitarra slide, banjo, armonica; Pietro Marini, chitarra acustica, chitarra 12 corde; Diego Ribechini, basso, chitarra baritona; Luigi Ciampini, batteria, percussioni; Dario Canal, voce, sono insieme dal 2011 e attualmente stanno portano in giro per l’Italia il loro ultimo disco “Non ci resta che ridere”.

Dopo di loro direttamente dalla Puglia i Bundamove. Il gruppo nasce nel dicembre 2009 grazie all’amore per il funk e per la black music di Emanuele “Manufunk” Pagliara (chitarra), Marco “DonSkal” Calabrese (tastiere), Michele “Mike” Minerva (basso), Antonio “Dema” De Marianis (batteria), Sandro “Sax” Nocco (sassofono) e Gabriele “Trumpet” Blandini (tromba), musicisti che vantano collaborazioni con Roy Paci & Aretuska, Manu Chao, Boomdabash, Anansi, Steela.

A concludere la serata, i Radio Seattle: Cristian Chechi, voce e chitarra, Leonardo Marcucci, chitarra, Alessio Dell’Esto, basso, Mario Poli Corsi, batteria e voce, porteranno il pubblico in un viaggio musicale che partirà da Jimi Hendrix passando attraverso band come Nirvana, Pearl Jam, Alice in Chains, fino ad arrivare ai più recenti progetti solisti di Eddie Vedder, Chris Cornell e Dave Grohl, con i Foo Fighters ed i Queens of the stone age (la foto è di Giorgio Paggetti).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.