Tradenda Folk Festival: alla ricerca delle tradizioni con la rassegna di musica e prodotti

SORANO – Torna in Maremma una nuova edizione del Tradenda Folk Festival, unico festival interamente dedicato alla riscoperta delle tradizioni popolari. Due weekend (10 – 11 e 17 – 18 – 19 luglio) ricchi di eventi, degustazioni, musica popolare, stage per tutte le età e di vario genere, così il Tradenda Folk Festival presenta la sua ottava edizione ad un pubblico sempre più amplio e diversificato. Filo conduttore di questa nuova edizione è il cibo, declinato in laboratori, convegni, mostra fotografica e degustazioni. Tante le novità, a partire dalle varie location che ospiteranno il festival; oltre ai paesi dei Comune di Sorano (Gr) che ospitano il festival (Montebuono, San Quirico di Sorano, Castell’Ottieri e San Giovanni delle Contee), protagonista della giornata conclusiva sarà il suggestivo Castello di Montorio, immerso nel verde incontaminato della Toscana meridionale e al centro di una cornice storica disegnata già in epoca medievale.

La giornata inaugurale della kermesse sarà venerdì 10 luglio a Montebuono con l’apertura di un mercatino dei prodotti agroalimentari e dell’artigianato. Il pomeriggio proseguirà con un angolo letterario che ospiterà la presentazione di un lavoro culturale dal titolo “Ricordando i nostri tempi, tra campagna, lavoro, passioni e giovinezza” a cura di Federica Mazzieri e degli ospiti della casa di riposo Piccolomini di Sorano. Protagonisti musicali il gruppo folk “Mamma li Turchi”.

Sabato 11 l’evento si sposterà a San Quirico di Sorano, centrale sarà il convegno dal titolo “Alimentazione con farina, pasta, pane da grani antichi” organizzato in collaborazione con la condotta Slow Food Pitigliano e Colli di Maremma. Tra i relatori Luigi Antonelli, agronomo, Fulvio Ponzuoli, responsabile del progetto “la memoria dei semi”, Clarita Nassuato, medico nutrizionista. A seguire degustazione di prodotti tipici e il concerto live dei “Maremma Pizzica Band”, noto gruppo musicale di pizzica e taranta, in salsa maremmana.

Il festival riprenderà il weekend del 17, 18 e 19 luglio. Protagonisti i paesi di Castell’Ottieri, San Giovanni delle Contee e Castel Montorio.

Venerdì 17, all’interno del suggestivo contesto medievale, quale appunto è il borgo di Castell’Ottieri, il festival riprenderà con una presentazione del libro dal titolo “I mangiarini della Miseria” a cura di Andrea Martini e Lucia Pugliese, edizioni Il Pozzo di Micene. Una presentazione letteraria farcita di musica grazie al contributo artistico di Corrado Re (Voce dei “Tre pazzi avanti”). A seguire degustazione de prodotti tipici e concerto del gruppo “Tre pazzi avanti”, cantautorato italiano e musica d’autore. Sabato 18 il Tradenda sbarca a San Giovanni delle Contee. Fin dal primo pomeriggio l’artigianato e i prodotti agroalimentari saranno in mostra lungo le vie del paese. Per i più piccoli sarà possibile imparare a fare il formaggio e la pasta, grazie ad un laboratorio didattico ed interattivo – sarà invece per tutte le età lo stage di balli popolari. A seguire degustazione prodotti tipici e il concerto dei “Sonidumbra”, balli e musica popolari dell’Umbria.

Domenica 19 luglio, per la prima volta in assoluto, Il Tradenda Folk Festival giungerà al Castello di Montorio. Insieme ai “Custodi delle vie cave” i visitatori potranno scoprire il territorio più sconosciuto e giungere nel suggestivo borgo per le ore 13. Il pomeriggio sarà un susseguirsi di musica, con il concerto del “Corpo Bandistico Santa Cecilia”, di attività culturali come l’apertura della mostra fotografica dal titolo “il Cibo – dalla terra alla tavola” e dal convegno organizzato da Slow Food “Biodiversità agraria per uno sviluppo sostenibile”, di giochi popolari, con la seconda edizione di Ludicando, il palio dei giochi popolari che se lo contenderanno le associazioni organizzatrici dell’evento.

Il Tradenda Folk Festival è nato con la volontà di fare sinergia tra le piccole frazioni del comune di Sorano e di tramandare l’enorme bagaglio culturale dell’intero territorio. E’ organizzato dall’associazione culturale “L’Impronta” di San Giovanni delle Contee”, dall’associazione “I Castellesi”, di Castell’Ottieri, dal circolo culturale “Cosmo” di Montebuono, dal Comitato festeggiamenti di San Quirico e grazie alla prestigiosa collaborazione di Slow Food condotta di Pitigliano e Colli di Maremma. Importante è la condivisione di idee e progetti che è avvenuta con la Proloco e l’intera amministrazione di Sorano.

Per informazioni:

Facebook: Tradenda Folk Festival

Twitter: #tradenda2015
Contatti stampa: 392 2894828

Commenti