Quantcast
Attualità

Mauro Sellari è il nuovo presidente del consorzio Fidi piccola e media impresa

cna_sede_2mod

GROSSETO – Nei giorni scorsi l’assemblea di Artigiancredito Toscano, il consorzio Fidi della piccola e media impresa più importante della Toscana, ha nominato presidente del comitato che gestisce la filiale di Grosseto Mauro Sellari, imprenditore maremmano che opera nel settore serramenti e componente la direzione provinciale della CNA.

Mauro Sellari, che ha fatto parte del Comitato anche nel triennio precedente, ha preso il posto di Monica Scarpini (imprenditrice di Follonica che ha presieduto il comitato nei sei anni precedenti). L’assemblea ha altresì nominato, tra i componenti del nuovo comitato di filiale anche Marco Caverni (titolare di una falegnameria a Follonica e anch’esso componente la direzione provinciale della CNA).

A livello regionale Artigiancredito, promosso dalle Associazioni di rappresentanza dell’artigianato che operano in Toscana, conta circa 60 mila aziende aderenti.

La filiale di Grosseto, che ha sede in via Gramsci, 2, rappresenta uno dei maggiori confidi anche in provincia. Quest’ultimo, pur rivolgendosi in via prevalente nei settori dell’artigianato e della PMI, opera verso ogni forma d’impresa (prescindendo dal settore di appartenenza e dalle dimensioni).

«Più che mai in un momento di crisi come quello che sta attraversando il sistema economico, provinciale e non, Artigiancredito svolge un ruolo insostituibile – afferma Renzo Alessandri direttore Cna -: fornendo garanzie agli istituti che erogano il credito, contenendo i tassi di interesse e le condizioni praticate dal sistema bancario oltre a consentire, a numerose imprese, di ottenere finanziamenti che senza la garanzia consortile non sarebbero assolutamente possibili».

«Le operazioni garantite da Artigiancredito producono, per le imprese come per le banche numerosi vantaggi – prosegue Alessandri -: sono regolate da tassi di prima scelta, concordati tra la banca e la società nell’ambito di una specifica “convenzione”, consentono di ampliare la quantità di credito concesso dalla banca e, soprattutto, riducono l’entità degli accantonamenti che le banche sono chiamate a fare quale garanzia del credito erogato. All’attività tradizionale della garanzia Artigiancredito affianca altre importanti operatività. ACT, infatti, è soggetto attuatore, insieme a Fidi Toscana e Artigiancassa, delle incentivazioni comunitarie, nazionali e regionali. Anche in questa veste, ha sempre dato prova di attenzione e di sensibilità verso i bisogni delle imprese».

commenta