Quantcast

“Magliano my way”: quando il turismo passa attraverso le emozioni foto

di Lorenzo Falconi --

GROSSETO - Da oggi tutte le strade portano a Magliano in Toscana. Il progetto di promozione turistica voluto dall'amministrazione comunale fa breccia sul Web con "Magliano my way", un modo diverso di raccontare il territorio, lontano anche dai tradizionali siti internet turistici.

Si punterà quindi sulle nuove tecnologie, sull'uso di linguaggi multimediali con largo spazio ai social e quindi alle condivisioni. Proprio qui sta la chiave di volta del progetto, nato in un contesto di brand territoriali come mare, campagna, escursioni, terme, cultura, storia, enogastronomia, trekking, caccia e pesca. «Quello di oggi è un altro traguardo importante raggiunto dalla nostra amministrazione - spiega il sindaco di Magliano in Toscana Diego Cinelli -. Il nostro territorio in un anno è stato investito da tre calamità, come l'alluvione, il crollo delle mura e l'urgano del 5 marzo, ma questo è il segnale forte che da queste situazioni siamo sempre usciti a testa alta».

Il mare a 10 minuti di distanza, il Parco della Maremma a 15, le Terme di Saturnia a mezz'ora di tragitto, queste le peculiarità di un comune che ben si presta a varie forme di turismo, come ricorda il consigliere delegato Camilla Mancineschi: «Magliano rappresenta il punto di partenza per visitare la Maremma, grazie alla sua centralità sul territorio. Il progetto è rivolto soprattutto ai giovani e basato sulla comunicazione partecipativa. Oggi è più probabile che si facciano dei selfie davanti a un monumento, piuttosto che qualcuno spedisca una cartolina. Il turismo è legato alle emozioni. Il progetto che presentiamo è un sito internet di promozione differente dal solito, in cui le aziende possono interagire attraverso un format prestabilito».

I partner scelti per dar vita al progetto sono Marianna Marcucci e Fabrizio Todisco, esperti del settore attraverso contesti come le "invasioni digitali": «Abbiamo cercato di raccontare le storie delle persone e trovare una strada che potesse essere uguale per tutti, ma al tempo stesso differente per ognuno - precisa Marianna Marcucci -. Lo scopo è anche quello di mettere in relazione quello che è stato con ciò che sarà, in un viaggio a ritroso nel tempo di circa 1700 anni. La piattaforma è il punto di partenza e di raccolta di tutte le emozioni da raccontare sul territorio di Magliano».

Il progetto "Magliano my way" è stato presentato nella sede della Banca della Maremma, il vicedirettore generale vicario Fabio Becherini ha ricordato l'importanza dei nostri territori e della promozione turistica: «E' una bella iniziativa e quando le cose sono belle non c'è nulla da temere. A Magliano abbiamo da poco rinnovato la nostra filiale per dare sostegno ai privati e chi verrà ad operare in questo territorio».

Commenti