Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

80 milioni per la nuova centrale geotermoelettrica di Monterotondo

Più informazioni su

FIRENZE – Ha ottenuto la compatibilità ambientale il progetto relativo alla realizzazione della nuova centrale geotermoelettrica “Monterotondo 2″ che Enel Green Power realizzerà in trenta mesi sul territorio del comune di Monterotondo Marittimo, in località Podere Barghini. Lo ha ratificato con una delibera la Giunta regionale nella sua seduta di ieri mattina. Adesso dovrà essere redatto il progetto esecutivo che verrà presentato alla Regione per ottenere l’autorizzazione unica, che per gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili contiene in sé l’approvazione di tutti gli enti a vario titolo competenti. Si tratta di impianto da 20 megawatt, che richiederà un investimento di circa 80 milioni di euro e sarà capace di produrre energia per 140 milioni di chilowattora l 9;anno, sufficienti cioè a soddisfare il fabbisogno energetico degli abitanti di una città come Livorno.

Permetterà anche di evitare di immettere in atmosfera 100.000 tonnellate di anidride carbonica e di risparmiare ogni anno 32.000 tonnellate di petrolio, ovvero quante ne servirebbero per produrre – bruciandolo – l’energia elettrica che invece produrrà Monterotondo 2. La centrale sarà dotata delle più avanzate tecnologie impiantistiche, di impianto Amis per l’abbattimento del mercurio e dell’idrogeno solforato, di sistemi per la riduzione del drift, cioè delle minuscole gocce di acqua geotermica che contengono acido borico. L’entrata in servizio di questo nuovo impianto porterà la produzione geotermica a coprire il 30% dei fabbisogni energetici dell’intera regione Toscana. Secondo Enel Green Power la realizzazione della centrale durante i trenta mesi della fase di costruzione darà lavoro a 80 pe rsone, mentre saranno 40 i nuovi occupati, tra diretti ed indiretti, connessi al suo esercizio. Green Power calcola infine che potranno essere creati altri 10 / 20 posti di lavoro nelle attività correlate alla presenza della centrale, dal teleriscaldamento, al florovivasimo, alle attività agroalimentari.

Per effetto del protocollo sulla geotermia siglato da Enel e Regione Toscana, ai comuni andrà 1,3 milioni di euro l’anno per 10 anni come compensazione ambientale, mentre non appena la centrale inizierà a produrre e per tutta la sua vita produttiva, ai Comuni e alla Regione andranno circa 400.000 euro l’anno di contributo. Il parere positivo del settore Via regionale prescrive l’effettuazione di una serie di monitoraggi prima dell’inizio dei lavori, nella fase di realizzazione e dopo l’ultimazione dell’opera sia per ciò che riguarda il suolo e il sottosuolo dell’area su cui insisterà l’impianto, sia per la risorsa idrica che per la qualità dell’aria, per gli effetti sulla vegetazione e quanto all’impatto acustico.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.