Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Commissioni consiliari deserte, protesta l’opposizione: «Tempo perso»

GROSSETO – «Intendiamo sensibilizzare la maggioranza a prestare una adeguata attenzione e soprattutto a sensibilizzare la partecipazione nei lavori della quarta commissione consiliare, in quanto nell’ultimo periodo e principalmente da quando il sindaco ha lasciato le deleghe a favore dell’assessore Giancarlo Tei le sedute o sono andate deserte o sono rimaste valide solo grazie ai due consiglieri di opposizione». Questo l’intervento dei consiglieri di opposizione Riccardo Megale e Fabrizio Rossi, rispettivamente appartenenti a Lista Lolini e Fratelli d’Italia-An.

«Ci teniamo a precisare inoltre che è l’unica commissione in cui i consiglieri di opposizione sono soltanto due a fronte del cambio di maglia effettuato in corso di mandato dall’allora consigliere di Sel, creando così il dislivello a fronte di sei rappresentanti per la maggioranza, dimostrando una notevole disaffezione alla materia urbanistica – aggiungono -. Nell’ultima seduta della commissione svoltasi lunedì 20 aprile dopo un ora dalla convocazione, oltre agli scriventi, vedeva presente solo il presidente che ha dovuto mestamente scioglierla».

«In più occasioni, compresa la seduta di lunedì, la minoranza ha invitato il presidente Mascagni e l’assessore Tei a fare un passaggio in maggioranza perché crediamo che non sia questo l’atteggiamento corretto, la non presenza di chi convoca la seduta oltre al tempo che i tecnici comunali hanno trascorso in attesa di un nulla di fatto – concludono -. Vista l’imminente campagna elettorale in cui molti colleghi saranno impegnati, ci sentiamo in dovere di ricordare che per regolamento comunale è prevista la delega ad un collega di partito in caso di assenza del titolare».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.