Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Castiglione la bandiera verde dei pediatri: spiaggia e mare a misura di bambino

Più informazioni su

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – Non sapete ancora quale meta scegliere per portare in vacanza i vostri bambini tra sabbia (pulita) e mare (cristallino) in tutta tranquillità? Nell’elenco delle 100 località balneari delle nostre coste, stilato da alcuni pediatri italiani, c’è anche Castiglione della Pescaia che, anche questo anno, ha ottenuto a pieno titolo la Bandiera Verde come spiaggia a misura di bambino.

Dall’acqua bassa e pulita, alla sabbia per costruire i castelli, dalla presenza di bagnini alla vicinanza di gelaterie e locali vari, 147 pediatri del Belpaese consigliano alle mamme e ai papà con bimbi scalmanati (e non solo) più di 80 spiagge, che vanno in maniera omogenea da nord a sud.

La consegna ufficiale del vessillo “per i più piccoli” ai 100 sindaci vincitori, avverrà sabato 25 aprile alle ore 18.00 proprio a Castiglione della Pescaia presso la Sala Sofia del Residence Roccamare, alla presenza del presidente della Provincia Emilio Bonifazi, del vice sindaco Elena Nappi e dell’ideatore del riconoscimento dott. Italo Farnetani.

Per approfondire l’argomento “la salute del bambino in spiaggia” domenica 26 aprile, si riunirà una tavola rotonda presso l’Hotel Approdo alle ore 10.30 con il saluto del sindaco di Castiglione Giancarlo Farnetani. Condurrà il dibattito Giuseppe di Mauro presidente della Sociatà Italiana di pediatria preventiva e sociale ed interverranno Italo Farnetani ideatore di Bandiera Verde, Vincenzo Romano Spica dell’Università degli studi di Roma sul tema acqua e salute, Sergio Bernasconi dell’Università degli studi di Parma con un intervento su come si combatte l’obesità anche in spiaggia e Francesca Farnetani dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia che esporrà su pelle e sole, benefici e precauzioni. 

Qualche curiosità in più:

La “bandiera verde” è attribuita soprattutto valutando l’idoneità ambientale per famiglie e bambini. La sabbia, quindi, che è preferita ai sassi e alle rocce, lo spazio tra gli ombrelloni per giocare, l’acqua che non diventi subito alta e poi presenza degli assistenti di spiaggia, indispensabili per intervenire in caso di emergenza, e la presenza anche di un bar nelle vicinanze che possa rispondere alle varie esigenze dei bambini, in primis la famosa bottiglietta di acqua.

Inoltre, nell’elenco di quest’anno sono evidenziate alcune località adatte ai genitori che hanno figli con meno di 6 anni. Perché? “I bambini fino a 3 anni giocano soprattutto da soli e fino a 6 anni preferiscono giocare più con i genitori che con i coetanei. In questa logica, se i genitori vogliono scegliere una spiaggia isolata, in mezzo alla natura, spesso in ‘paradisi terrestri’, possono farlo più facilmente e i pediatri hanno anche indicato località adatte alla vita di un bambino piccolo in spiaggia, ma il consiglio è di farlo solo quando il bambino ha meno di sei anni. Dopo infatti cercherà la compagnia dei coetanei.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.