Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Per ricordare i caduti della prima guerra e della Resistenza il Comune ripulirà targhe e cippi commemorativi

Più informazioni su

SORANO – Per non dimenticare. Sembra questo il filo conduttore che l’amministrazione comunale di Sorano vuole intraprendere nell’anniversario della prima guerra mondiale (1915-2015) e nel settantesimo della Liberazione, facendo ripulire lapidi e cippi che commemorano il sacrificio di tanti giovani soranesi. «Nel comune di Sorano ci sono monumenti e lapidi dedicate ai caduti
della prima guerra mondiale – afferma il sindaco Carla Benocci -. I soranesi che morirono in quell’immane conflitto furono davvero molti. Spesso questi monumenti e queste lapidi, che si trovano soprattutto all’interno dei parchi delle rimembranze, sono poco leggibili a causa dell’usura del tempo anche se non sono mai mancati il rispetto e la considerazione dei cittadini».

«Nel centesimo anniversario dell’entrata in guerra dell’Italia, il Comune di Sorano vuole ripulire e ripristinare queste testimonianze del sacrificio di tanti soranesi, soprattutto giovani, perché le memoria e le radici di un popolo non possono e non debbono essere cancellate – prosegue il sindaco di Sorano -. In occasione poi del settantesimo anniversario della Liberazione si vogliono ugualmente ripulire ripristinare monumenti e lapidi, ma anche piccoli cippi e croci dedicate ai civili e ai militari che combatterono il nazifascismo e che spesso persero la vita. ad iniziare da Ezio
Lombardi, una delle vittime della strage delle Fosse Ardeatine. Non sarà certo questo l’unico modo per ricordare due anniversari così significativi».

«Ma non cancellare e non far cancellare la memoria attraverso il recupero delle testimonianze e del ricordo rappresentati da monumenti e lapidi è comunque un atto concreto. Per attuarlo, considerato il gran numero di presenze di questo tipo nel territorio comunale, c’è bisogno anche delle segnalazioni e dell’aiuto delle associazioni come dei singoli cittadini. Sarà così possibile fare anche un censimento dei luoghi del ricordo e conservarlo nell’archivio storico del Comune – sottolinea il primo cittadino -. Quanti vogliono dare una mano, anche nel senso proprio del termine sono pregati di contattare al più presto il consigliere comunale Pierluigi Domenichini, delegato alle onoranze ai caduti, presso il Comune».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.