Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

È morto Irmo Innocenti, l’ultimo minatore di Ribolla foto

Più informazioni su

RIBOLLA – È morto l’ultimo minatore di Ribolla. L’ultimo, tra quelli che lavoravano in miniera nel 1954, che ancora viveva nella frazione del comune di Roccastrada. Questa mattina, alle 9, è morto Irmo Innocenti. Innocenti, 93 anni, la mattina del 4 maggio del 1954, quando scoppiò il grisù al pozzo Camorra non era al lavoro, sarebbe entrato con il turno successivo, la “gita”, così si chiamava, del pomeriggio.

Quando sentì lo scoppio, però, capì subito cosa era successo, come tutti quelli che attorno a una miniera ci vivono e ci lavorano, e corse a vedere. 43 minatori persero la vita in quello scoppio. Non riuscì più ad andare al lavoro serenamente, e alla fine lasciò la miniera e, con la moglie Pina, aprì una macelleria.

Era stato in guerra, e durante il secondo conflitto mondiale era stato prigioniero in Marocco per tre anni. Un uomo tranquillo e mite, Irmo Innocenti, amante della musica, suonava il violino (nella foto sopra, quello al centro, con due amici), ed era rimasto l’ultimo ex combattente di Ribolla. Memoria storica di tanti eventi, con lui se ne va un pezzo di storia di Roccastrada.

La salma si trova all’obitorio dell’ospedale Misericordia. I funerali si svolgeranno domani, alle 16, alla chiesa dei santi Paolo e Barbara di Ribolla.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da RUDI POLI

    lo conoscevo bene era cliente di mio nonno quando faceva il macellaio, ricordo che veniva sempre alle riunioni a Grosseto accompagnato sempre dalla moglie quando lottavamo per togliere il calmiere sotto la presidenza di mio padre Giampiero e se non vado errato era il nonno di Daniele Reali
    Condoglianze a tutta la famiglia ciao Irmo R.P.I.