Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Aspi, mini Aspi, Naspi: ecco le novità. Indennità di disoccupazione attiva sino al 2017

Più informazioni su

GROSSETO – «Le novità introdotte con il ”Jobs Act” rispetto a modalità di erogazione e scadenze di Naspi (Nuova assicurazione sociale per l’impiego) e mobilità, hanno generato confusione e in molti casi preoccupazione fra molti lavoratori coinvolti nelle crisi aziendali che nel nostro territorio hanno colpito diverse imprese di medie e grandi dimensioni». È il commento del segretario della Cgil, Claudio Renzetti.

«Per questo motivo, intervengo con l’obiettivo – per quel che è possibile in certe situazioni – di rassicurare le persone rispetto ad alcune precisazioni di natura tecnica, che però hanno un impatto significativo sulla vita dei lavoratori interessati dalle crisi aziendali – prosegue Renzetti -. Intanto è bene precisare che l’indennità di mobilità ordinaria (fino a 36 mesi a seconda dell’età) rimarrà in vigore alle attuali condizioni fino al 1° gennaio 2017, quando sarà sostituita dalla Naspi. Come noto l’indennità di mobilità è riservata solo ai lavoratori di aziende con più di 15 dipendenti. Per cui, ad esempio, nella nostra zona della mobilità potranno usufruire i lavoratori dell’Eurovinil (ex Survitec), il cui stato di crisi è stato recentemente dichiarato».

«Aspi e Mini Aspi, invece, lasceranno il posto alla Nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi) già a partire dal 1° maggio di quest’anno – afferma la Cgil -. Il cambio delle regole potrebbe in alcuni casi portare qualche vantaggio, soprattutto per quanto riguarda la durata del sostegno. L’indennità di mobilità prevista oggi per le aziende più grandi, si sta infatti riducendo. Da gennaio 2015 la durata massima è di 12, 24 o 36 mesi, a seconda dell’età».

«Nel 2016 ci sarà un ulteriore giro di vite (il trattamento più favorevole sarà 24 mesi di durata per i lavoratori over 50 al Sud), e poi nel 2017 la definitiva archiviazione della mobilità ordinaria e in deroga. Questa situazione costituisce obiettivamente una giungla dove per i lavoratori è molto complicato orientarsi: il nuovo regime, infatti, recepisce una parte della normativa della Fornero, mantiene una parte del regime precedente e – conclude Renzetti – introduce alcune novità».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.