Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sciatore ferito nel bosco: Soccorso alpino e Pegaso in azione, ma è una esercitazione

AMIATA – Nelle scorse settimane si sono tenute due esercitazioni congiunte tra i sanitari del 118 Grosseto, il personale aeronautico INAER, azienda leader nei servizi di elisoccorso operante per la Regione Toscana con l’elicottero Pegaso2 ed i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Toscano (S.A.S.T.) della Stazione Monte Amiata presso il Prato della Contessa, nei comuni di Arcidosso, Castel del Piano e Santa Fiora.

Queste esercitazioni ed i momenti d’incontro formativo sono tesi ad arricchire le competenze tecniche dei vari soggetti oltre che ad individuare le zone sensibili dal punto di vista degli interventi.

Gli eventi simulati di queste due giornate hanno ipotizzato due scenari “tipo”: uno sciatore che ha subito un incidente in pista e deve essere trasportato all’ospedale di riferimento. Un soggetto traumatizzato che deve essere trasportato fuori dal bosco adiacente la pista per il successivo recupero con elicottero e centralizzazione. Nel primo scenario operava il solo tecnico di elisoccorso, già in forza su Pegaso2, che, dopo una prima valutazione dello scenario, procede all’allestimento di una sosta di sicurezza i sanitari che sbarcati con verricello, stabilizzano il paziente per il recupero successivo.

Il secondo scenario prevedeva la presenza di personale S.A.S.T. sul luogo d’intervento che procede all’attivazione di Pegaso2 per ottenere assistenza sanitaria. La stessa squadra richiede inoltre ulteriore personale S.A.S.T. (trasportato sul target da Pegaso2) per il recupero dell’infortunato. I tecnici del Soccorso Alpino procedono all’allestimento di una sosta di sicurezza per l’infortunato e per la squadra sanitaria in arrivo. Il successivo sbarco del personale sanitario e l’estrazione dal bosco del paziente vengono coordinati dal capostazione e dal TE del Pegaso2. Una volta immobilizzato e stabilizzato, il paziente viene trasferito fino al punto di sbarco dell’equipaggio e da qui recuperato con il verricello.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.