Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Acquedotto del Fiora “stabilizza” 28 dipendenti. Contratti a tempo indeterminato

GROSSETO – Il Consiglio di Amministrazione di Acquedotto del Fiora, all’unanimità, ha deliberato la stabilizzazione del personale precario: 28 contratti di lavoro a tempo indeterminato (trasformazione dei tempi determinati e assunzione dei lavoratori interinali), utilizzando i benefici della legge di stabilità 2015 e del così detto Jobs Act. Alcuni contratti sono stati già firmati, altri saranno firmati nei prossimi giorni. «Questo splendido risultato è stato ottenuto grazie alla sinergia tra i sindacati, i vertici aziendali, il Consiglio di Amministrazione, il Presidente Tiberio Tiberi, l’Amministratore Delegato Aldo Stracqualursi e il Responsabile Risorse Umane e Organizzazione Maria Grazia Costa. Si tratta, infatti, di un’opportunità che consente ad Acquedotto del Fiora di produrre buona e stabile occupazione, rafforzando la struttura aziendale per dare un servizio ancora migliore ai cittadini e per affrontare con maggiore coesione le nuove e immediate sfide che ci stanno di fronte», spiegano i rappresentanti di Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil.

«In questi anni, i dipendenti, pur trovandosi in una situazione di precarietà, hanno contribuito a far crescere l’azienda, anche in una fase di cambiamento che può rappresentare l’inizio di una nuova sfida, altrettanto impegnativa – aggiungono -. Il Sindacato ha fatto la sua parte, consapevole che oltre a questo risultato conseguito, ci sono tanti altri traguardi da raggiungere».

«La stabilizzazione di 28 persone approvata, all’unanimità, nel corso dell’ultima seduta del Consiglio di Amministrazione di Acquedotto del Fiora – commenta il responsabile delle Risorse Umane dell’azienda Maria Grazia Costa -, produce buona e stabile occupazione, rafforza la struttura aziendale per dare un servizio ancora migliore ai cittadini e per affrontare con maggiore coesione le nuove e immediate sfide che ci stanno di fronte».

«In un quadro in cui l’Unione Europea, con il “piano Juncker”, il governo nazionale e la Regione Toscana puntano alle infrastrutture per la ripresa e la crescita – dice il presidente Tiberio Tiberi – già nei passati anni di crisi le utilities italiane operanti nel settore idrico e ambientale e soprattutto la nostra azienda hanno fornito un contributo importante per l’economia del territorio attraverso gli investimenti realizzati (circa 100 euro annui pro capite, quattro volte più della media nazionale e quasi il doppio di quella toscana). Oggi tali aziende si candidano ad essere motore della ripresa economica puntando alla realizzazione di infrastrutture moderne ed efficienti, per migliorare la qualità della vita dei nostri cittadini e la competitività del paese Italia nell’era della  globalizzazione».

«In tale contesto – prosegue il presidente Tiberi – assume un significato particolare la scelta della stabilizzazione dei nostri precari, anche grazie alle opportunità offerte dalla legge di stabilità 2015, confermando ancora una volta il nostro ruolo per lo sviluppo economico-sociale e la qualità del territorio in cui operiamo».

«Infatti, è fondamentale un team “di qualità” per offrire servizi sempre migliori ai cittadini e per continuare a sostenere la grande mole di investimenti che Acquedotto del Fiora in questi anni sta realizzando – sottolinea l’amministratore dell’azienda Aldo Stracqualursi – in un territorio reso ancora più fragile dal forte dissesto idrogeologico che, negli ultimi mesi, ha incrementato la frequenza delle frane e che richiederebbe molti più investimenti di quanti possono essere sostenuti dalla tariffa».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.