Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Giobbe. La notte e il suo sole” approda a Pitigliano. 5 mesi di esposizione

Più informazioni su

PITIGLIANO – La mostra “Giobbe. La notte e il suo sole”, realizzata dalla Fondazione Creberg con opere di Francesco Betti ha concluso il suo itinerario nel nord Italia riscontrando un significativo apprezzamento da parte dei numerosi visitatori (ad oggi oltre 13mila). La mostra approda a Pitigliano, al Museo di Palazzo Orsini, dove resterà esposta fino a domenica 30 agosto 2015.

“Giobbe. La notte e il suo sole”, realizzata dalla Fondazione Creberg con opere di Francesco Betti, ripercorre la vicenda biblica di Giobbe che attraverso situazioni drammatiche di privazioni, dolore e sofferenza giunge alla serenità. La Fondazione Credito Bergamasco ha coinvolto, per l’occasione, Francesco Betti, pittore bergamasco nato nel 1980. Un artista capace di un’attenta analisi psicologica dei personaggi raffigurati e in grado di trasmettere la drammaticità delle vicende di Giobbe. Attraverso tredici grandi tavole realizzate con tecnica mista su tela, caratterizzate da linee nette e marcate, l’artista trasforma la parabola biblica di Giobbe in una metafora della vita dell’uomo.

«Fatica, prove, privazioni, tentazioni, tormento, lutto, dolore, sofferenza; la vicenda di Giobbe evoca, a prima vista, situazioni drammatiche, strettamente connesse alla natura dell’uomo e al suo percorso terreno. Nel periodo di difficoltà che stiamo vivendo, risulta immediata l’associazione tra il crescendo di vicende negative che il personaggio biblico è chiamato a sperimentare e la crisi che stiamo soffrendo e dalla quale sembra, a volte, impossibile uscire – spiega Angelo Piazzoli, segretario generale della Fondazione Creberg e curatore della mostra –. Eppure dalla crisi si esce; l’itinerario di Giobbe. per quanto profondamente tormentato e, in molti momenti, disperato, si conclude nella serenità, ancor più preziosa dopo annose tribolazioni, costituita da una vita rinnovata nel segno della libertà, della prosperità, degli affetti, della progenie e del futuro».

L’evento inaugurale si terrà sabato 28 marzo alle ore 17 presso il Museo di Palazzo Orsini. «Ospitare questo evento all’interno del quattrocentesco e monumentale Palazzo Orsini con le sue venti sale, rispecchia in pieno la nostra volontà di offrire importanti spazi e momenti culturali e dare visibilità anche all’arte contemporanea, soprattutto quella prodotta da giovani e talentuosi artisti – dichiara don Marco Monari, direttore dell’Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello – Naturalmente, anche il tema biblico proposto, ovvero Giobbe, si inserisce nel contesto in modo particolarmente appropriato. È per questi motivi che la proposta di allestire la mostra proprio nello storico e nobiliare palazzo, è stata accolta con entusiasmo e riconoscenza, con l’auspicio che nel periodo di allestimento richiami numerosi visitatori».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.