Quantcast

Fratelli d’Italia e Onda chiedono i volontari civici anche a Follonica. «C’è bisogno di una città più sicura»

FOLLONICA – Dopo Grosseto anche a Follonica la questione sicurezza balza al centro dell’agenda politica. Anche nella città del Golfo, così come è accaduto nei giorni scorsi nel capoluogo maremmano, Fratelli d’Italia, in questo caso insieme al Movimento Onda, ha presentato la proposta di istituire un’associazione di volontari civici.

L’idea è quella di poter dotare la città, dove negli ultimi mesi, come segnalato dai rappresentanti di Fdi e dell’Onda, ci sono stati diversi furti, di un gruppo di persone «dedite all’osservazione del territorio per prestare attività di volontariato diurno e notturno, con finalità di solidarietà sociale nell’ambito della sicurezza urbana».

Tutto questo, come spiegato nella mozione presentata al cosniglio comunale dal capogruppo di Fratelli d’Italia Agostino Ottaviani e da Dario Piermaria per il movimento Onda, a condizione che vengano sottoscritti «uno statuto e un modello di adesione in stretta collaborazione con le forze di pubblica sicurezza e la polizia municipale», e con l’autorizzazione del Prefetto di Grosseto.

La mozione è stata presentata questa mattina alla presenza di Fabrizio Rossi, portavoce provinciale di FdI che ha proposto qualcosa di simile anche per Grosseto. La convinzione di fondo è quella che «in sostegno al pattugliamento da parte delle forze dell’ordine (si legge tra le premesse del documento), oltre che alla maggiore diffusione delle telecamere nelle zone più a rischio della città, è indispensabile un’opera di prevenzione che coinvolga attivamente i cittadini affinché, di concerto con i carabinieri e polizia, possano contribuire a scongiurare la commissione di reati particolarmente in espansione nel nostro comune».

Commenti