Quantcast
Politica

Alluvione, Forza Italia «Le ditte hanno fermato i lavori per ritardi nei pagamenti»

roberto berardi

di Sabino Zuppa

ORBETELLO – I ritardi dell’escavazione del letto del fiume Albegna provocano l’intervento di Forza Italia che esprime «una grande preoccupazione per lo stato di avanzamento dei lavori di messa in sicurezza, dopo essere venuti a conoscenza che alcune delle ditte impegnate dalla Regione Toscana nelle attività di somma urgenza hanno fermato i loro mezzi a causa di problemi economici, a quanto pare per gravi ritardi nei pagamenti. Una questione molto grave – commenta il vice segretario provinciale FI, Roberto Berardi – che evidenzia tutte le false promesse fatte dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, dall’assessore Annarita Bramerini e dal presidente del Consorzio di Bonifica, Fabio Bellacchi, che hanno perso forse di vista quello che è l’obiettivo principale, richiesto giustamente dagli alluvionati, ossia quello della escavazione del letto del fiume Albegna fino a riportarlo alla sua sezione originaria del 1967».

«Riguardo a questo anche la ormai famosa legge sulle cave, che dovrebbe dare il via e consentire il dragaggio, è in grave ritardo e continua ad essere solamente una delle tante promesse elettorali fatte da Rossi che, insieme ai suoi, continua a venire in Maremma solamente per fare campagna elettorale. Forza Italia non starà comunque a guardare e si attiverà con i propri consiglieri regionali per chiedere lumi al governatore, anche perché siamo veramente preoccupati per il tutto processo di messa in sicurezza della piana dell’Albegna. Se non si riescono a trovare 1.750.000 euro per le opere di somma urgenza – conclude il politico – ci chiediamo come farà la Regione Toscana a trovare gli altri 30 milioni di euro che sono stati promessi alla popolazione di Albinia per il completamento di tutte le opere necessarie per darle una vita tranquilla e sicura».

commenta