Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ecco il primo cimitero per animali della Maremma: per le sepolture richieste da tutta la Toscana

Più informazioni su

di Barbara Farnetani

BIVIO RAVI – Sarà inaugurato il 24 gennaio prossimo il primo cimitero per animali della Maremma. La gestazione è stata lunga, ma alla fine il camposanto di Fido ha visto la luce e a fine mese aprirà ufficialmente i battenti. Ufficialmente, perché negli ultimi mesi qualche animale il cimitero l’ha già iniziato ad ospitare. Una decina in tutto, piccole tombe con tanto di cornicetta in legno, ciotoline in marmo per i fiori e, ultimamente, fotografia. «Sono stati i proprietari a chiederle» afferma Giacomo Ferrara, il titolare.

«Abbiamo prenotazioni da quasi tutta la Toscana» racconta, sottolineando come con i cani e gatti si faccia come per le persone, che in vecchiaia si comprano il proprio posto al cimitero. «Ultimamente abbiamo iniziato a collaborare con una azienda di cremazioni, che cio rimanda le ceneri direttamente nell’urna per chi lo preferisce». Ma si può anche seppellire l’animale in una piccola bara, in legno o, se si vuole qualcosa di più biodegradabile, in cartone.

Qui ci sono 15 mila metri quadri di terra, e stiamo allestendo un vero parco, dove sarà piacevole camminare» magari anche con il nuovo amico a quattro zampe. Il sabato il cimitero è aperto per chi vuole venire a trovare gli amici di una vita, «ma telefonando si può aprire anche in altri giorni della settimana».

In Italia ci sono altri cimiteri per animali, ma sono luoghi in cui i proprietari fanno da soli, sono loro ad occuparsi della sepoltura. Noi offriamo un servizio completo: a partire dal ritiro da casa o dall’ambulatorio. Abbiamo anche una saletta del commiato per dare l’ultimo saluto all’animale amato». I prezzi sono per tutte le tasche, ma si parte anche da cifre minime: 180 euro compreso il ritiro dell’animale. «Questo è un cambio culturale che deve imporsi: c’è ancora troppa gente che, specie per piccoli animali, si serve ancora del cassonetto della spazzatura».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.