Quantcast

Lega Pro: con Stringara arriva anche Fofana. Rivoluzione Grosseto

di Lorenzo Falconi --

GROSSETO - Non solo la testa del tecnico a saltare, ma anche, con molta probabilità, quella di alcuni giocatori. Come anticipato questa mattina Paolo Stringara è il nuovo allenatore del Grosseto che sostituisce così l'esonerato Pasquale Padalino, mentre i biancorossi preparano la rivoluzione di gennaio. Niente di nuovo sotto il solo nell’era Camilli, ma il cambiamento, questa volta, appare più deciso. Alcuni giocatori si sono già trasferiti, come Massimo e Finazzi, ma altri potrebbero seguire lo stesso percorso. In uscita restano vari Mariotti, Asante e Giovio, con qualche difficoltà di collocamento sul mercato, a loro si aggiungono nomi illustri che non hanno reso per quanto ci si aspettava.

Su tutti il difensore centrale Morero che ha richieste da squadre di B e potrebbe anche rescindere con il Grosseto. Vicino al taglio anche Lugo, in quanto il paraguaiano nelle ultime partite è apparso poco determinato e con la testa altrove. Malgrado lo stesso Camilli circa un mese fa abbia dichiarato che non si muoverà da Grosseto, adesso lo scenario appare decisamente mutato: sul centrocampista offensivo c’è l’interesse del Varese che potrebbe proporre uno scambio con Blasi. Resta una manovra tutta da verificare, anche alla luce della contropartita tecnica offerta. Non si muoverà invece Burzigotti, altro elemento in calo di gradimento. Il difensore ha già vestito due maglie in questa stagione e non potrà più spostarsi dalla Maremma almeno fino al termine della stagione.

Tra tanti i nomi in uscita, sotto il segno di una rivoluzione tecnica, per i biancorossi c’è anche un arrivo, è quello dell’attaccante Fofana, proveniente dal Catanzaro. Una trattativa già definita da tempo e che ieri non si era concretizzata causa decisioni da prendere sul cambio di allenatore. Al di là di questo nuovo arrivo, ulteriori sviluppi sul mercato unionista arriveranno anche in base alle indicazioni del nuovo tecnico. I biancorossi però, preparano la rivoluzione.

Commenti