Quantcast

Farnetani risponde ai sindacati «Non sono nuove esternalizzazioni, faremo nuove assunzioni»

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – Il sindaco Giancarlo Farnetani si ritiene molto sorpreso dall’intervento dei sindacati in merito alle decisioni assunte durante l’ultimo Consiglio Comunale: «E’ difficile capire la motivazione di questo intervento – dice Farnetani -, alla luce del fatto che i temi deliberati, riguardavano ampliamenti di servizi già affidati all’Azienda Speciale Castiglione 2014 e di alcuni servizi ricondotti alla gestione diretta del Comune».

«In ogni caso, in merito a queste argomentazioni, ci tengo a ricordare alle forze sindacali, che la delibera in questione parla di ampliamento di servizi già esistenti e quindi di nuove possibilità di lavoro a tempo indeterminato e non – prosegue Farnetani -. In particolare i temi trattati sono stati: estensione della durata dell’affidamento del servizio di manutenzione dell’arredo urbano da 5,5 mesi a 12 mesi; estensione della durata dell’affidamento del servizio manutenzione ed annaffiatura parchi e giardini da 6 mesi a 12 mesi; ampliamento del numero dei tagli della “banchine stradali” rispetto a quanto richiesto per l’anno 2014; ripresa della gestione in economia da parte del Comune del servizio di lavaggio stradale; ripresa della gestione in economia da parte del Comune del servizio complementare di trasporto scolastico».

«In aggiunta, abbiamo dato completamento ad un servizio già in essere, affidando la manutenzione di impianti tecnologici relativi all’attività già disciplinate nel contratto generale dei parchi e giardini, sempre alla stessa gestione. Detto questo – continua il sindaco -, ribadisco che non siamo di fronte ad un’accelerazione di esternalizzazioni come, in maniera pretestuosa affermato dalla nota sindacale, ma ad una migliore specifica di servizi già affidati con lo scopo di rispondere in modo più preciso alle richieste e alle esigenze dei cittadini amministrati da questa giunta».

«In un momento di grande crisi economica ed occupazionale come quello che stiamo attraversando e in considerazione del blocco delle assunzioni da parte dell’Ente, il Comune deve dare risposte facendo delle scelte capaci di avere una duplice valenza: da un lato deve migliorare i servizi al cittadino mentre dall’altro deve garantire maggiore economicità – si legge nella nota -. E’ per questo che trovo improprio da parte dei sindacati, parlare di una nostra maggiore spesa: noi abbiamo affidato servizi già in essere all’Azienda Speciale piuttosto che scendere nel libero mercato dove i costi sarebbero stati sicuramente maggiori».

«Il Comune di Castiglione sta offrendo nuove opportunità di impiego sul territorio, implementando e migliorando i servizi esistenti, ben consapevoli che le restrittive leggi nazionali circa la turnazione pubblica, limitano e vincolano le scelte degli Enti locali. I sindacati sono pronti a sostenerci su questi nuovi obiettivi? Non è forse questo un modo per dotare l’organico di ulteriori figure così come più volte richiesto dalle forze sindacali? Perché, in un momento come questo di grande difficoltà sociale, quando un’amministrazione trova delle soluzioni tangibili al problema dell’impiego tramite l’Azienda Speciale, i sindacati si sentono in diritto di fare attacchi di questo genere Ribadisco che la mia giunta è sempre disponibile alla concertazione purché questo sia costruttiva e non “un inutile esercizio di stile”. Un confronto, che abbia come unico fine la tutela del lavoratore – conclude -, quale che sia il lavoro e non una semplice difesa strumentale della forma o il mantenimento di prassi esistenti».

Commenti