Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Messa in sicurezza dell’Aurelia, Santini: «Gli unici nel Pd a sostenerlo»

GROSSETO – «Sono contento della decisone presa dalla nostra Provincia per quanto riguarda la richiesta di messa in sicurezza dell’Aurelia, ma mi domando: ora il Pd grossetano cosa dirà e quale posizione prenderà? Continuerà a sostenere la posizione della Regione, del suo presidente e del Pd regionale? Come Area Civati all’interno del Pd, siamo stati gli unici ad aver aderito al coordinamento per una Aurelia pubblica e di aver depositato un documento da sottoporre alla votazione dell’assemblea provinciale sin dal febbraio scorso, che è ancora in attesa di essere discusso». Così Andrea Santini, membro dell’assemblea nazionale del Pd e appartenente all’area Civati, interviene sulla questione autostrada Tirrenica.

«Siamo stati gli unici all’interno del partito a sostenere che l’autostrada non porterà sviluppo a questo territorio, che non risolverà  i problemi di sicurezza, che per i cittadini e le imprese rappresenterà solo un ulteriore balzello e che l’Autostrada Tirrenica è la tipica storia delle grandi opere italiane dove, troppo spesso affari e politica divorano l’interesse collettivo come dimostrano anche i fatti legati al Mose e all’Expo – ribadisce Santini -. Nel caso in cui arrivassimo ad avere finalmente una Aurelia pubblica, gratuita e sicura, mi chiedo: cosa faranno tutti coloro che sinora hanno sostenuto la necessità di realizzare l’autostrada?»

«Penso che da buoni italiani saliranno sul carro dei vincitori, ovvero di tutti coloro che da anni si battono per il raggiungimento di questo obiettivo. Credo anche che per il Pd grossetano sia arrivato il momento di pensare al passaggio dal modello attuale di economia lineare a quello circolare basato sul recupero, riciclo ed al riutilizzo delle materie prime seconde derivanti dai rifiuti, senza dimenticare la tutela dei beni comuni come il suolo e l’acqua – conclude Santini -. A livello nazionale e regionale, non mi sembra che si vada in questo verso, ma anzi che vi sia la chiara volontà politica di realizzare nuovi inceneritori e di privatizzare il servizio idrico senza rispettare la volontà dei cittadini espressa con il referendum del 2011 per la ripubblicizzazione dell’acqua».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da S.Condipodaro Marchetta

    Non mi meraviglia per niente che ,anche, nel PD ci siano elemeneti,che,
    pur di ottenere un minimo di visibilità saltano su qualsiasi treno.
    Mi domando,se qualcuno nel PD attuae non si riconosce,perche non si trova una nova dimora politica,e la smetta di nuocere il partiro che evidentemente in un momento gli fu comodo?
    Io posso capire che certi ambienti politici aldila del PD si sentono chiamati a cantar vittoria,ma è insopportabile che siano individui che fanno riferimento al partito.
    La svolta che evidentemente si è conlusa nell’amministrazione provinciale dovrebbe creare rispetto.Nella DEMOCRAZIA è legittimo ed auspicabile che alla lòuce di nuovi fatti vengano cambiate oppinioni e decisioni.
    Dunque prediamo atto ella nuova situazione , che in tanti abbiamo auspicato e smettiamola di voler trarne capitale politico.