Nasce “Vivere Punta Ala”: insieme associazioni e imprenditori per rilanciare una delle perle della Maremma

PUNTA ALA – Ad Ottobre 2014 si è costituito il gruppo di operatori “Vivere Punta Ala”, per lo sviluppo socio-economico del territorio, composto dai rappresentanti delle associazioni, dagli imprenditori e da tutti coloro che operano nell’indotto del sistema turismo: Associazione Galleria Il Gualdo, Associazione Il Porto, Associazioni Sportive, Associazione Stabilimenti Balneari, Agenti Immobiliari, Amministratori dei Condomini, singoli professionisti, e commercianti.

La motivazione che ha spinto verso questo passo, è stata quella di voler contribuire al miglioramento della qualità della vita e del benessere socio-economico della comunità locale, oltre al potenziamento del sistema turistico, quale principale se non unica risorsa economica del territorio.

Vivere Punta Ala sta infatti promuovendo, sulla base di logiche, corresponsabilità e partecipazione attiva, la collaborazione tra la sfera pubblica e quella privata, con la consapevolezza che, il prolungamento ed il potenziamento della stagione estiva, coinvolge da un lato la pubblica amministrazione, responsabile di garantire le condizioni minime per la qualità della vita dei cittadini e per lo sviluppo economico del territorio, dall’altro i privati che operano nell’indotto, quali garanti dei servizi di qualità offerti ai cittadini ed ai turisti.

Per questo motivo, è stato organizzato un primo incontro con il sindaco del comune di Castiglione della Pescaia, Giancarlo Farnetani, al fine di evidenziare le priorità e le emergenze rispetto alle condizioni minime di vivibilità e di sviluppo socio-economico nel territorio, oltre a presentare il piano strategico per il prolungamento ed il potenziamento della stagione aprile-settembre 2015.

Da questo primo incontro si sono delineati i presupposti per l’inizio di una fruttuosa collaborazione tra la parte pubblica e quella privata, che vedrà impegnate entrambe le parti in un processo di riqualificazione del territorio.

Commenti