Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Survitec vieta il presepe Eurovinil, il vescovo: «Dio non si stanca di piantare la sua tenda»

GROSSETO – In merito alla notizia dell’impossibilità di utilizzare materiale Eurovinil per realizzare il presepe nell’atrio del palazzo vescovile, il vescovo di Grosseto Rodolfo Cetoloni offre qualche parola di riflessione: «In questi giorni, in Diocesi, è stato distribuito un messaggio di Natale in cui invito tutti a fare il Presepe. Esso è, per i credenti, il segno attraverso cui contemplare con gli occhi della carne, della fede e del cuore Dio che si fa bambino per abitare la realtà e la storia di ogni uomo. La realtà non è mai magica, idilliaca o perfetta. Spesso è segnata da momenti di fatica e di sofferenza, che sembrano annebbiare la gioia e la bellezza. Con il farsi uomo del Figlio di Dio, la vita  diventa autenticamente più umana. Per questo abbiamo bisogno di guardare il suo presepe, di contemplarlo con semplicità, di metterci dinanzi a Gesù. Abbiamo bisogno di realizzarlo anche nel palazzo vescovile, nel suo atrio affacciato sul corso».

«Il motivo che mi ha mosso, come vescovo di questa Diocesi, a chiedere ai lavoratori dell’azienda in questione di realizzare con noi il presepe è questo: dire che Gesù, il figlio di Dio, si è fatto uno di noi per coinvolgersi nelle situazioni della nostra vita. Non siamo stati originali nel pensare a una tenda – aggiunge il vescovo. E’ proprio il Vangelo di Giovanni ad usare una bellissima espressione: “Dio ha posto la sua tenda in mezzo a noi”. Ho ritenuto significativo poter deporre l’immagine del bambino dentro una tenda realizzata nel nostro territorio: Dio viene a stare lì dove noi siamo, così come siamo e con la realtà che ci è dato di vivere in questo momento, compresa la fatica quotidiana o l’incertezza del lavoro».

«Non c’è stata e non c’è alcuna intenzione diversa da questa. Nessuna polemica: continuiamo a credere nel linguaggio dei segni per dire a tutti di guardare, ascoltare e fare Natale – conclude -. Le lavoratrici, che con tanta cortesia si sono dette disposte a collaborare, continueranno ad essere le benvenute se vorranno allestire con noi il presepe, per dire insieme che Dio non si stanca di piantare la sua tenda tra le case degli uomini».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.