Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ciaffarafà contro Balocchi «Vuole imbavagliare l’opposizione. Atto incostituzionale»

Più informazioni su

SANTA FIORA – «Non abbiamo partecipato al consiglio comunale, pur essendo presenti nella sala, perché il sindaco e la sua amministrazione hanno commesso un atto grave ed anticostituzionale: chiediamo che gli organi preposti intervengano quanto prima per ristabilire la legalità ed il diritto democratico di parola anche nel comune di Santa Fiora». A parlare è Riccardo Ciaffarafà, capogruppo consiliare di “Un comune per Tutti”.

«Questa Amministrazione ha approvato, prima in commissione regolamenti senza la nostra presenza e poi in consiglio comunale, una norma dello statuto comunale che limita la libertà di parola e di controllo delle opposizioni limitandone la possibilità di svolgere interrogazioni consiliari nel massimo di due a seduta – prosegue Ciaffarafà -. E’ un atto che sottolinea la estrema difficoltà di Balocchi di gestire questo comune a distanza e conferma, se ce ne fosse stato bisogno, che i veri amministratori sono altri».

«Le nostre interrogazioni provengono da questioni che ci segnalano i cittadini che in maggioranza, è bene ricordarlo, non hanno votato per questa amministrazione – continua l’opposizione -: interrogazioni che danno molto fastidio e mettono i nuovi legulei in estrema difficoltà poiché fanno scoprire intrecci ed affarismi da far accapponare la pelle ed uno sperpero dei denari pubblici con incarichi diretti a società private che non hanno ragione di esistere in un comune di 2700 persone».

«Allora la soluzione di Balocchi è quella di convocare un consiglio comunale ogni due mesi e imbavagliare l’opposizione tramite una norma illegittima che limita l’unico strumento di controllo e verifica e cioè quello delle interrogazioni: il sindaco se la canta e se la suona e si ridicolizza come ieri in un consiglio comunale di 7 persone senza l’opposizione gettando un’altra ombra molto cupa sull’operato e sulla trasparenza di questa Amministrazione – conclude Ciaffarafà -. L’arroganza e l’inettitudine di questi amministratori vorrebbe far tacere le opposizioni e limitarne la libertà di espressione, ma si sbagliano di grosso».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.