Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Arte oscena nel medioevo: il singolare “albero dei peni” di Massa Marittima

Più informazioni su

MASSA MARITTIMA – È sicuramente una delle rappresentazioni artistiche più sorprendenti del medioevo massetano, l’affresco rappresentante l’albero della fecondità, una pianta i cui frutti sono piccoli peni eretti, e che si trova alla fonte del palazzo dell’Abbondanza.

Una pittura murale che, nonostante la singolarità, non tutti conoscono, e per questo si è deciso di dedicargli un convegno dal titolo “Rappresentazioni oscene nel Medioevo italiano. L’Affresco della Fecondità a Massa Marittima”. Durante l’incontro, che si terrà il 29 novembre dalle 9.30, al palazzo dell’Abbondanza, si confronteranno autorevoli studiosi che, da approcci differenti, parleranno della rappresentazione di organi sessuali nel medioevo, analizzandone le motivazioni e il significato, a partire da una riflessione sul comune senso del pudore dell’epoca (sotto un particolare dell’affresco).

 

Verrà poi analizzato in modo più specifico il caso dell’affresco della Fecondità di Massa Marittima, visto a confronto con rappresentazioni analoghe provenienti da contesti differenti. Infine verranno illustrati gli interventi di restauro che hanno coinvolto l’Affresco della Fecondità e le Fonti dell’Abbondanza di Massa Marittima, confrontandoli con casi simili di recupero architettonico e sul progetto di completamento dei lavori per una diversa fruizione del monumento.

Il convegno è aperto a tutti e gratuito.

ore 9:30 Registrazione al convegno

Saluti

Marcello Giuntini, Sindaco di Massa Marittima

Mario Scalini, Soprintendente ai Beni Storici Artistici di Siena e Grosseto

Vanessa Mazzini, Ispettrice della Soprintendenza ai Beni Architettonici di Siena e Grosseto

Maurizio De Vita, Direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio (Università di Firenze)

Introduzione

Marco Paperini, Assessore alla Cultura di Massa Marittima

I Sessione

Maurizio Rippa Bonati (Università di Padova), Gli organi sessuali nell’iconografia medievale

Barbara Villa (La Sapienza, Università di Roma), Rappresentazioni infamanti al femminile. Appunti e riflessioni su alcuni casi medievali

Anna Benvenuti – Simone Picchianti (Università di Firenze), Il ‘buon governo’ della fertilità. Il disciplinamento dei costumi sessuali nel Medioevo

Riccardo Rao (Università di Bergamo), Dall’albero della fertilità all’albero delle streghe: la demonizzazione di un rito folclorico nell’Italia bassomedievale

Alberto Milano (Civiche Raccolte Bertarelli Milano), L’albero dell’amore nelle stampe ad alta diffusione

ore 13:30 Pausa pranzo

ore 15:00

II Sessione

Paola Pacifici (Università di Leicester), L’albero della fecondità. Note iconografiche e percorsi interpretativi

Pietro Clemente (Università di Firenze), Alberi dagli strani frutti. Metafore vegetali e tipologie ideologiche tra natura e cultura

George Ferzoco (Università di Bristol), Gli aspetti “infecondi” dell’Albero della Fecondità

Alessandro Bagnoli (Soprintendenza ai Beni Artistici di Siena e Grosseto), Tutela, conservazione e ricerca storica. Considerazioni sui dipinti murali della Fonte dell’Abbondanza

III Sessione

Giulia Galeotti (Centro Studi Città e Territorio), Le fonti pubbliche e l’uso delle acque a Massa di Maremma nel Medioevo

Maurizio Giovanetti, Assessore ai Lavori Pubblici di Massa Marittima, Lo stato dei lavori di restauro delle Fonti dell’Abbondanza

Sabrina Martinozzi, Dirigente Ufficio Lavori Pubblici del Comune di Massa Marittima, Una proposta progettuale per il recupero delle Fonti dell’Abbondanza

Discussione

Conclusioni

Il convegno è in corso di accreditamento per gli architetti, che possono inoltrare domanda d’iscrizione all’indirizzo s.nocciolini@comune.massamarittima.gr.it.

Info 0566.906295

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.