Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mannaia sulla provincia: 6,6 milioni in meno. Patto di Stabilità a rischio

Più informazioni su

GROSSETO – Una manovra da lacrime e sangue. Questa volta è proprio il caso di dirlo perché tra gli effetti della riforma Delrio e quelli della legge di stabilità (ancora in via di definizione) la provincia di Grosseto subirà tagli per 6,6 milioni di euro.

Una riduzione, rispetto al passato, pari al 18,6% che metterà in crisi i conti dell’ente. Una situazione molto rischiosa sia in termini di Patto di stabilità sia, di conseguenza, per i riflessi sul personale.

Eppure la provincia di Grosseto, in Toscana, viene considerata la più virtuosa. Secondo i dati ufficiali dell’Upi (Unione Province Italiane) infatti è quella che in termini percentuali subisce i minori tagli grazie soprattutto alle gestione del passato e all’assenza di incapienze (delle dieci province toscane Grosseto è l’unica a non averle insieme ad Arezzo e Siena).

Lacrime e sangue dunque. Una mannaia che non lascia molto spazio e che per il momento ha prodotto già un primo soframento del Patto di stabilità. A illustrare la nuova condizione di incertezza della provincia è stato il presidente Emilio Bonifazi in apertura della prima assemblea dei sindaci che si è riunita oggi a Palazzo Aldobraneschi. L’organo che riunisce tutti i primi cittadini maremmani, è del tutto nuovo ed è stato introdotto proprio dalla riforma Delrio.

«Al 31 ottobre lo squilibrio rispetto al Patto di stabilità – ha detto Bonifazi – è di circa 5 milioni di euro. Non credo che riusciremo a recuperare tutte questa risorse considerato anche che quest’anno dovremo versare allo Stato un ulteriore contributo di 2,5 milioni di euro».

A preoccupare di più in questo momento è la questione legata al personale. Nel caso infatti di uno sforamento del Patto si dovrebbe intervenire questi sicuramente sulle spese del personale che ammontano a oltre 17 milioni di euro. A rischio ci sarebbero quindi i contratti a tempo determinato così come ribadito anche da sindacati e lavoratori nella manifestazione di piazza dello scorso 12 novembre.

Per quanto riguarda invece il bilancio l’assemblea si è espressa sull’assestamento di bilancio che prevede l’impiego dei 2,2 milioni di avanzo di ammnistrazione 2013 per coprire lo squilibrio di gestione del 2014.

La prima assemblea: chi c’era e chi no – La prima assemblea dei sindaci avrebbe dovuto vedere la presenza di tutti e 28 sindaci della provincia di Grosseto, ma in questa prima seduta ci sono state diverse assenze.
Il numero legale è stato rispettato (combinazione tra la presenza di un terzo dei sindaci, 9, e maggioranza della popolazione, 110 mila abitanti), ma a mancare sono stati ben 8 sindaci (28%). Ecco tutti gli assenti: Claudio Franci (Castel del Piano), Iacopo Marini (Arcidosso), Sergio Ortelli (Giglio), Marcello Giuntini (Massa Marittima), Nicola Verruzzi (Montieri), Pierluigi Camilli (Pitigliano), Marcello Stella (Scarlino), Miranda Brugi (Semproniano).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.