Cemivet, Bonifazi «Stiamo lavorando per mantenerlo». Forse resteranno le unità cinofile

Più informazioni su

GROSSETO – «Abbiamo cominciato a smuovere le acque per salvare il Cemivet che incomprensibilmente rischia di essere chiuso e trasferito in provincia di Roma, aprendo una ferita difficile da chiudere per la Maremma». Il sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi, parla del lavoro in corso per mantenere in Maremma il Centro militare veterinario. «Finalmente, grazie all’interrogazione dell’onorevole Luca Sani e alla battaglia portata avanti in questi mesi con lettere e incontri con lo stesso Ministro Pinotti, qualcuno comincia a farsi venire dei dubbi».

«Forse potrebbero essere trasferiti solo i puledri, lasciando a Grosseto le unità cinofile e il centro veterinario – prosegue Bonifazi -. Si tratterebbe di un passo avanti e comunque al ministero hanno almeno capito che a Grosseto esiste qualcosa di troppo importante rispetto ad una semplice sede da traslocare. La nostra battaglia continua e restiamo tutti in attesa di atti concreti».

«Spero anche che la si smetta di usare l’espressione “spending review” quando è invece evidente che spostare il Cemivet – conclude il sindaco -, strutturato e con attrezzature all’avanguardia dove si trova adesso, provocherebbe solo costi alla collettività e impoverimento della Maremma da una sua eccellenza».

Più informazioni su

Commenti