Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Più uguaglianza più benessere: riprendono gli incontro dell’istituto Gramsci e della fondazione Bianciardi

GROSSETO – Una riflessione sui miti della politica, un cammino interessante e affascinante attraverso figure e storie dell’attualità per riflettere a partire dalla nozione classica del mito come narrazione della realtà capace di rappresentare il mondo di oggi attraverso racconti capaci di semplificare la politica in figure e storie. L’iniziativa è dell’Istituto Gramsci di Grosseto e della fondazione Bianciardi che propongono, a partire dal prossimo sabato 29 novembre, un ciclo di incontri dedicati alle mitologie politiche dell’attualità.

Il primo degli appuntamenti in calendario è proprio una riflessione sui miti di Uguaglianza e Benessere, con la presentazione di “Più uguaglianza più benessere” a cura dell’autore Aldo Carra, esperto di economia e di analisi elettorali, che partendo dalla definizione di indicatori di Benessere Equo e Sostenibile, disegna una strategia integrata prospettando un particolare umanesimo in cui possono rintracciarsi anche spunti della nuova sensibilità religiosa. L’incontro si svolge sabato 29 novembre alle 16,30 presso la fondazione Luciano Bianciardi in via De Pretis 32/34 a Grosseto.

“La politica ha fatto costantemente ricorso ai miti – ha spiegato la presidente dell’Istituto Gramsci Lucia Matergi – innalzando al rango di eroi positivi o negativi i suoi protagonisti più evocativi, per segnare alcuni punti certi nel difficile impegno di governare le società. L’Istituto Gramsci e la Fondazione Luciano Bianciardi tentano di fissare alcune idee ed approfondire temi già entrati nella mitologia contemporanea, insieme alle associazioni Anpi e Uaar i cui contributi possano portare una varietà di punti di vista indispensabile per stimolare riflessione, dibattito e azione. Sono questi – ha concluso Lucia Matergi – gli obiettivi della nostra ‘cooperativa di lavoro culturale’ che con le tante iniziative degli ultimi tempi sta dando buoni frutti”.

Una riflessione utile perché se il mito può costituire un punto di riferimento, con l’esaltazione di figure evocative che mantengono forza e senso, da Pericle e Garibaldi, o anche Gengis Khan e il generale Custer, al contrario il nostro presente è caratterizzato dal predominio della comunicazione, mito dei miti, che rischia di schiacciare gli stessi protagonisti che ne fanno uso.

Il libro che verrà presentato sabato 29 novembre è “Più uguaglianza più benessere, percorsi possibili in tempi di crisi” di Aldo Eduardo Carra con la prefazione di Stefano Fassina. “In tempi di crisi – si legge nel testo di Carra – le politiche macroeconomiche di redistribuzione dei redditi e delle ricchezze non bastano. È giunto il momento di avviare un percorso nuovo fatto di microprogetti definiti e misurabili in grado di rimuovere le disuguaglianze che si manifestano nella concreta vita delle persone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.